Allo : l’ App di messaggistica di Google

Allo è l’ App di messaggistica firmata da Google.

AlloRilasciata durante l’estate 2016 sui dispositivi Android e iOS e offerta (ovviamente) in modo totalmente gratuito.

Lo sappiamo, in molti esclamerete: “Ancora?!  Un altra app di messaggistica?”

Allo è un’idea molto innovativa che va ad inserirsi in un mercato non semplice.

Google punta su una grafica pulita ed essenziale innanzitutto, che noi definiremmo user-friendly , stracolma di emojii.

Le azioni tramite il touch sono il cavallo di battaglia di Allo.

Infatti tramite uno swipe dal basso verso l’alto sul pulsante di invio, ingrandirete il messaggio stesso, viceversa lo rimpicciolirete.

Grazie all’integrazione con Google Assistant, Allo sarà capace non solo di capire il testo, ma anche di carpire il contenuto delle foto.

Ad esempio : se riceverete una foto di un libro, Allo vi semplificherà la scrittura anticipandovi con una frase standard “Bel libro”.

Sarà infine disponibile la modalità di Chat in incognito, ovvero con messaggi criptati, che una volta chiuse le conversazioni, saranno definitivamente perse.

Le notifiche ovviamente non verranno mostrate con tutte le altre.

E hanno fatto capolino in Allo anche gli adesivi , ovvero emoji in formato maxi, riprese dai famosi adesivi di un’altra app di messaggistica : BBM (Blackberry messanger).

Non ultima l’opzione assistente : grazie alla sinergia del motore di ricerca di Google , tramite Allo troviamo un ristorante in zona e lo condividiamo con gli amici.

La concorrenza, come dicevamo, è quasi spietata

Forse l’egemonia di Whatsapp è incontrastabile, ma Google dal canto suo non demorde dal provare a ritagliarsi una fetta di mercato dall’utenza che di Whatsapp è poco soddisfatta.

Attualmente vi sono anche altre applicazioni molto funzionali ed efficaci come Telegram (disponibile anche la versione desktop) e WeChat, ma ancor più curiosa diventa la posizione di Hangouts.

Quest’ultima applicazione è di proprietà di Google ed offre appunto la possibilità di messaggiare gratuitamente, attraverso la connessione dati, con i propri contatti di Google e non solo.

Prima o poi crediamo che sarà necessario fare maggiore chiarezza da parte di Menlo Park, sull’utilizzo di entrambe le App in quanto, il lancio di Allo, in qualche modo ha oscurato Hangouts.

Potrebbero dunque verificarsi situazioni di confusione tra gli utenti, magari indecisi su quale App orientarsi.

Per ora non vi sono dati sulla riuscita del lancio di Allo.

Attendiamo ansiosi che Google ne rilasci per realizzare una di quelle curiose classifiche, tanto apprezzate dai navigatori in balia di mode e costumi e a caccia di novità per provare nuova esperienze di comunicazione.

Allo non compare ancora fra le app più utilizzate.

Una certezza l’abbiamo : Whatsapp rimane un concorrente duro da aggredire, in Italia poi dove risulta largamente in testa con oltre 22 milioni di utenti e la metà della giornata passata a chattare!!

Dai dati pubblicati dal blog Vicons, gli resistono solo Facebook messenger, Skype, e Telegram.

Dietro di solo , ahinoi, solo noccioline.

Con tanti saluti alla concorrenza.

 


Condividi il contenuto su...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*