App Gaia GPS: cos’è e come funziona

Si chiama “Gaia” ma non è una persona. Si tratta di un’applicazione, e non è tra quelle più comuni. Vero e proprio GPS, ha la particolarità di poter essere utilizzato per addentrarsi tranquillamente nelle aree più remote del pianeta.

App Gaia GPS: come funziona

L’applicazione Gaia GPS può essere installata sia su smartphone che possiedono il sistema Android, sia sugli iPhone. Non sono esclusi ulteriori dispositivi come tablet e PC.

Uno dei vantaggi di quest’app risiede nella sua utilità per chi ama fare escursioni o addentrarsi in aree non abitate, come ad esempio boschi e foreste.

Usando questo GPS, non sarà possibile perdersi e si potranno persino programmare dei viaggi ed anche i loro itinerari.

Il suo sistema è molto semplice da utilizzare: è diviso in diverse sezioni e la prima offre una serie di mappe a cui si può accedere in ogni momento si desideri.

Queste ultime sono di differente tipologia: topografiche, fisiche, stradali.

Un altro fattore positivo di “Gaia GPS” è la possibilità di poter scaricare qualsiasi elemento, come itinerario, mappa, indicazioni, per poterlo utilizzare anche quando non è presente la connessione Internet.

App Gaia GPS: altri vantaggi

“Gaia” può anche registrare i percorsi effettuati tramite il sistema di backup. Finiti qui i vantaggi dell’app? Assolutamente no. Questo tool permette anche di sincronizzare tutti i dati collegandoli a qualsiasi dispositivo si voglia.

Altro vantaggio è quello di poter scegliere l’unità di misura che si preferisce e i tipi di coordinate. Non meno importante, risulta essere anche il costo dell’acquisto dell’app: la si può ottenere al prezzo di 19,90 euro scaricandola da “App Store”, comodamente dal proprio cellulare.

L’abbonamento si rinnoverà in modo automatico e il costo sarà detratto direttamente dal conto collegato all’account iTunes.

Insomma, si tratta di un’ottima applicazione da poter usare comodamente dovunque, soprattutto se ci si vuole addentrare in aree boscose. Anche qui sarà impossibile perdersi.

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Potrebbero interessarti anche...