Telefonare gratis da Whatsapp ? Storia, analisi, pareri.

Ne è passato di tempo dal giorno in cui le chiamate vocali su Whatsapp funzionavano per la prima volta, in test esclusivamente su invito.

Le chiamate effettuate dall’App più famosa sfruttano il traffico dati o WiFi per fare chiamate, come fanno già Skype e Viber da diversi anni.

Quindi senza usare il classico sistema per telefonarsi offerto dagli operatori con le loro reti.

La funzione chiamate è disponibile per tutti i sistemi operativi.

Da Android ad IOS, a Windows mobile, era attesa da tempo e anche questa svolta, come già avvenuto con i messaggi scritti nei confronti degli storici sms, ha iniziato a rivoluzionare il mercato delle telecomunicazioni vocali.

Introdotta gradualmente a cominciare da

  • Android
  • Sistemi operativi Blackberry

Ora upgradata anche per

  • Windows mobile
  • Utenti Apple IOS

Mentre nel frattempo il supporto per Blackberry è andato scemando fino alla conclusione a metà 2017.

Gli ultimi della lista che dovevano effettuare l’aggiornamento a Whatsapp erano i clienti Apple IOS.

La funziona delle chiamate da WhatsApp era stata annunciata in pompa magna nel 2015.

Proprio in occasione del Mobile World Congress di Barcellona, con un annuncio del ceo Jan Koum.

Brian Acton ha poi dichiarato che lo sviluppo della funzionalità ha richiesto un anno di lavoro e in questo lasso di tempo gli sviluppatori hanno realizzato l’infrastruttura necessaria a supportare le chiamate VOIP.

L’applicazione permette di chiamare amici e parenti in modo gratuito, anche se questi si trovano in un altro Paese, semplicemente con una connessione internet o Wi-Fi dello smartphone.

Visto che viene sfruttato il protocollo Voip, l’utente non consuma in alcun modo i minuti inclusi nel piano tariffario del proprio operatore.

Rimane però preferibile utilizzare sempre la rete Wi-Fi di casa o ufficio per evitare di erodere i gigabyte inclusi nel piano tariffario mobile.

Ora il servizio è realtà e contribuisce ad aumentare la popolarità della piattaforma di proprietà di Facebook, sulla quale ogni giorno passano ben oltre 30 miliardi di messaggi.

L’annuncio di Whatsapp arriva poche settimane dopo che Mark Zuckerberg ha parlato dei risultati di Messenger che varebbe il 10% della messaggistica mondiale.

E tutto questo mentre nel frattempo, ad inizio 2016, Whatsapp aveva raggiunto l’iperbolica cifra da 1 miliardo di utenti attivi ogni mese.  Pensateci : vuol dire che una persona su sette sulla Terra usa WhatsApp ogni mese!

Whatsapp-messaggiLa concorrenza a Whatsapp sulle chiamate Voip

Per la possibilità di effettuare chiamate tramite Internet senza costi aggiuntivi , aldilà dei costi per il traffico dati del proprio operatore, Whatsapp vede anche con la concorrenza di WeChat e di Line.

Ma anche la concorrenza interna della stessa Messenger di Facebook, che è già disponibile da tempo come opzione per telefonarsi all’interno dell’applicazione.

La tecnologia Voip che fino a poco tempo fa era notoriamente utilizzata da Skype in realtà ha fatto capolino da parecchio tempo in diverse applicazioni.

Una delle migliori in termini di qualità audio è certamente Blackberry messanger,  una delle più note app di messaggistica, nativa della canadese RIM.

Viber  e  WeChat  son le altre due App, più utilizzate oltreconfine che in Italia.

Viber è il diretto concorrente di Skype, nata soprattutto per il mondo mobile.

WeChat è molto utilizzata in Cina dove è diffusa maniacalmente quanto Whatsapp in Italia.

La fruizione delle chiamate Voip diventa così alla portata di milioni di persone.

Grazie alla diffusione capillare delle App citate

Ma c’è una faccia della medaglia meno felice.

Skype e Whatsapp infatti creeranno ancora diversi problemi agli operatori telefonici che, a seguito della gratuità delle chiamate, stanno progressivamente perdendo utili e fette di mercato.

Per questo motivo la Commissione Europea nel 2016 ha avviato un controllo e una modifica delle leggi per il settore delle telecomunicazioni.

La concorrenza spietata causata dai servizi collegati a Internet che non rispettano le regole inizialmente imposte alle aziende di telecomunicazioni.

L’accusa è di beneficiare di investimento altrui (reti, infrastrutture) a cui non partecipa nessuno.

Nella maggior parte dei casi solo WhatsApp e Skype attirano nuovi clienti, lasciando da parte gli operatori.

Cosa succederà nel futuro ?

Potrebbe essere richiesto a Skype di effettuare un servizio di chiamate di emergenza, oppure Whatsapp dovrà investire un sacco di soldi per garantire chiamate basate su un altro tipo di rete.

Tutte queste novità potrebbero causare un effetto penalizzante sui nuovi servizi tecnologici.

Gli utenti con ogni probabilità si vedranno costretti a pagare per mantenere attivi servizi che solo gli operatori di rete sono in grado di garantire.

whatsappvoiceCome si fa a chiamare con Whatsapp?

Innanzitutto ricordiamo che si possono effettuare chiamate solo con altre persone che hanno Whatsapp.

Nell’ultima versione 2.17.107 il menù compare con 3 tab, la terza delle quali è “chiamate” e questa contiene la cronologia delle chiamate e la possibilità, cliccando sull’icona del + con una cornetta verde, di aprire una nuova conversazione.

Durante la telefonata rimane possibile utilizzare alcune funzioni di base.

Ogni telefonata viene gestita come una normale telefonata, con la differenza che avviene dentro l’applicazione e quindi sfruttando la rete dati, ma senza usare la rubrica vera e propria del telefono bensì la rubrica dei propri contatti di Whatsapp.

funzioni whatsappLe chiamate su WhatsApp funzionano bene ?

Sono in molti gli utenti che hanno segnalato che lo start up della funzione non sia stato esaltante : una qualità audio decisamente bassa, con ritorno o rimbombo della voce e molto spesso con un ritardo di alcuni secondi tra i due interlocutori.

Assolutamente lontana , ad esempio, dalla qualità audio di un diretto concorrente, Blackberry messanger.

Prossimamente vi offriremo uno spettro di pareri di utilizzatori delle chiamate su Whatsapp e ne riporteremo gli esiti per “dovere di cronaca”.

Nel frattempo potete già iniziare a postare qua sotto i commenti con le vostre esperienze in merito.

 


Condividi il contenuto su...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*