Individuare autovelox in città e in autostrada

L’estate è alle porte. Le mete stabilite già da tempo. Tutto è pronto per partire.

L’unica preoccupazione è quella di non incappare in spiacevoli imprevisti, incidenti o multe.

Gli autovelox sono ormai molto diffusi. Sappiamo tutti che rispettare il limite di velocità spesso non è semplicissimo con una tolleranza del 5% rispetto al limite, con soglia minima pari a 5 km/h.

Dovrebbero essere sempre segnalati, ma questo non è poi così chiaro.

Ci pensa la rete con le app per individuare gli autovelox.

Tom Tom Autovelox.

E’ l’app sviluppata dall’omonima azienda che realizza navigatori satellitari, per ora disponibile solo su Android.

Permette di essere avvisati della presenza di autovelox dando la possibilità di denunciarne l’esistenza nei casi non ancora individuati dalla mappa GPS -Segnala Autovelox.

 

Un’interfaccia piuttosto intuitiva:

  • in basso sarà indicato il limite al quale attenersi
  • sul lato potrai vedere la tua velocità di marcia (km/h)
  • dal tasto impostazioni potrai scegliere se modificare i parametri quali avvisi, il tempo entro il quale desideri essere avvisato e se visualizzare o meno le informazioni sul traffico.

Una soluzione invece più completa, disponibile sia per iOS che per Android è “Tom Tom Go Mobile”, grazie alla quale potrai trovare anche punti di interesse e nuove destinazioni.

“Autovelox fissi e mobili”, applicazione per Android e iOS, consente di individuare la posizione esatta degli autovelox fissi e mobili in oltre 30 Paesi, oltre a :

  • semafori con telecamere
  • tutor
  • luoghi in cui probabilmente sono ubicati autovelox mobili.

Imposta il Paese in cui ti trovi, concedi i permessi relativi alla tua posizione premi ok ed attendi l’apertura della mappa.

Considerata la migliore app utile allo scopo, Waze, disponibile per Android e iOs, è costituita da un navigatore GPS basato sui feedback inviati dagli utenti. Valido anche contro Vergilus e Sistemi tutor, sarà con te anche lungo le autostrade sorvegliate.

Una community di decine di migliaia di automobilisti controllata da Google grazie alla quale Waze si è affermato, nel giro di pochi anni, come uno dei migliori navigatori GPS per smartphone.

Scaricabile gratuitamente, ha un solo grande difetto: la segnalazione degli autovelox è solo visiva (lo schermo del navigatore lampeggia di blu).

In effetti in termini di scopo questi sistemi di protezione, risultano eccezionali ma non sempre perfetti.

E’ il caso degli avvisi, che forse dovrebbero essere accompagnati sempre da adeguatu segnali acustici. Ma qui nasce il dilemma: potremmo anche definirli pericolosi in quanto fonte di distrazione?

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Potrebbero interessarti anche...