Recensioni Games : Sega Genesis Classic

Ogni generazione ha bisogno di una spinta rivoluzionaria, proprio come è successo per la nuova collezione promossa da SEGA.

La Sega Genesis Classic: un vero e proprio ritorno alle origini che non si smentisce.

Già disponibile da un decennio per PlayStation 2, la collezione è approdata anche su XBOX 360 e PS3.

Collezione che incorpora 53 fra i titoli più accattivanti di Sega (Sonic, Streets of Rage, Kid Chameleon, Shinig Force o Virtua Fighter 2, giusto per nominarne alcuni), Sega ha deciso di fare un salto nel passato e non abbandonare quei giochi che hanno permesso alla casa di produzione di entrare nella storia del gaming.

Giochi ormai considerati pezzi d’antiquariato realizzati con pochi (ma efficaci) mezzi a disposizione.

Soprattutto per quanto riguarda la grafica. Proprio questa forzatura ha permesso ai produttori di spostare il focus verso la giocabilità ed il divertimento vero e proprio più che sul dettaglio grafico. Possiamo confermare che sono di gran lunga riusciti a realizzare il loro intento, realizzando prodotti perlopiù legati al puro intrattenimento.

È opportuno dire che in questo pacchetto ci sono alcuni grandi “assenti”, considerando i prodotti sfornati da Sega negli anni. Fra questi possiamo annoverare giochi di come Ghouls & Ghosts, Castelvania e Strider, giochi perlopiù appartenenti alle serie Konami e Capcom. Altra piccola falla riguarda il fatto che non è presente nessun gioco sportivo, tenendo di conto che Sega era un portento per le consolle ed i giochi di sport.

Abbiamo precedentemente citato Virtua Fighter 2 come gioco da provare assolutamente in questa collezione. Tuttavia, sembra che la versione rimasterizzata dalla serie “Genesis” risulti un po’ plasticona e non esattamente corrispondente alla versione arcade qual era. Questo giusto per trovare il pelo nell’uovo, ma il resto dei videogiochi rimangono piuttosto fedeli alle versioni originali.

Esteticamente, si può apprezzare l’interfaccia del menù rappresentata da una camera di un ragazzo anni ‘90 con poster di Shinobi e Golden Axe e persino un tappeto di Sonic the Hedgehog.

Insomma, si può dire che questo pacchetto targato Sega è molto interessante, soprattutto per tutti i gamers che non hanno ancora provato l’ebbrezza della giocabilità che offre tale casa di produzione. Ad ogni modo, è pur sempre un remake e gli elementi moderni discostano leggermente dall’originalità e dal carattere arcade che questi giochi avevano in passato.

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print