Come creare disco di ripristino per Windows 8.1

Come creare disco di ripristino per Windows 8.1

Per creare punti di ripristino con Windows 8.1 è necessario seguire procedure differenti dalle precedenti versioni del sistema operativo.
Ecco una guida comprensiva e rapida

Creare disco di ripristino sfruttando Windows 8.1

Le buone capacità di creazione dischi di ripristino presenti in Windows 8 sono ulteriormente corrette ed ampliate nell’update successivo al nuovo sistema operativo Microsoft, offrendo la possibilità di supporto al ripristino di sistema tramite chiave USB, consentendo inoltre la reinizializzazione dell’OS.

Fino a Windows 7 la prassi per creare un disco di ripristino consisteva nel digitare il comando recdisc e seguire i passi proposti dal wizard a schermo. Tuttavia la funzionalità è stata modificata drasticamente in Windows 8. Per ricercarla bisogna digitare “Crea unità di ripristino” nell’apposita charm bar, utilizzata per ritrovare utility di sistema e file.

La creazione dell’unità in questione richiederà una chiava USB.

Questa pendrinve dev’essere capiente per almeno 256 GB che saranno da moltiplicare a seconda delle configurazioni e delle partizioni presenti su PC.

Dall’elenco delle unità flash USB rimovibili ci verrà infine chiesto quale utilizzare. I dati all’interno della key sono formattati completamente, per cui si consigliano backup di file eventualmente presenti.

Riavviando il PC con la chiave inserita, sarà possibile accedere ad un menù Impostazioni (accessibile dalla charm bar) modificato con il link di nostro interesse: Modifica impostazioni PC.

La prima opzione ci consentirà di reinizializzare i contenuti del PC. Questo termine consente di riportare il sistema operativo ad uno stato originario (refresh), senza tuttavia perdere i documenti memorizzati, a differenza della reimpostazione (o reset, più radicale).

Per gestire Windows 8.1 dall’unità di Avvio, invece, potremo scegliere l’opzione Riavvia Ora dal menu che ci apparirà assieme alle opzioni di reinizializzazione.

L’ambiente di ripristino, al riavvio, conterrà l’opzione Risoluzione dei Problemi.

Da quest’ultima potremo recuperare una versione precedente del sistema dai punti di ripristino, correggere i problemi di avvio, accedere al prompt ed alla modalità Provvisoria.

Lo strumento di ripristino per Windows 8.1, dunque, si aggiorna includendo funzioni non comprese in Windows 7 e 8, offrendo un sistema di recupero idoneo a ritrovare una configurazione soddisfacente e stabile.

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print