Come evitare installazione di toolbar e software indesiderato

Come evitare installazione toolbar indesiderate o dannose nel PCEvitare l’installazione di componenti potenzialmente dannosi a causa dei download software è prioritario per il navigatore del Web. Scopriamo come difenderci in una breve guida

Evitare installazione di toolbar: un approccio rapido

Spesso, eseguendo l’installazione di software gratuito, viene proposta in blocco l’autoinstallazione di software “sponsor”, tra cui toolbar da sfruttare per traduzioni rapide o che implichino comunque la sostituzione dell’home page con una nuova pagina Web del tutto estranea alle nostre abitudini.

Tale software non è a priori completamente nocivo, tuttavia si verificano sempre più casi in cui i bundle software con tali caratteristiche interferiscono con il normale funzionamento dell’attività di navigazione.

I componenti del tutto superflui che accompagnano il pacchetto di installazione non sempre sono disabilitabili con facilità dal wizard di installazione, poiché nascosti o comunque non deselezionabili.

Tali barre degli strumenti o moduli di ricerca aggiuntivi possono essere considerati tra i cosiddetti Potentially Unwanted Programs, applicazioni che presentano alcune peculiarità tipiche di adware e spyware.

Essi, malgrado siano abbinati a software del tutto gratuito e legittimo, sono spesso in grado di tracciare le abitudini dell’utente ignaro, rendendosi sempre più simile ad effettivi virus.

Per evitarne il download, è necessario sfruttare la pagina messa a disposizione dei developer dell’applicazione ufficiale, ed evitare i cosiddetti “downloader” (non “download manager”), che non apportano alcun vantaggio all’utente.

Numerosi antivirus tra cui Virus Total, inoltre, sono in grado di effettuare una scansione preliminare del pacchetto di installazione, evidenziando l’eventuale presenza dei Potentially Unwanted Programs. I file di estensione .msi (Microsoft Installer) ed i classici .exe (eseguibili) possono essere controllati con tale procedura.

In ultima istanza, è possibile sfruttare applicazioni come Unchecky, in grado di rivelare immediatamene la presenza dei suddetti programmi. Questo metodo, comunque, non può prescindere dalla lettura delle clausole EULA, generalmente riportate nella schermata di accettazione delle condizioni d’uso del software.

I dettagli riguardanti l’installazione di componenti di terze parti cattureranno immediatamente la nostra attenzione, permettendoci di comprendere cosa il software scaricato realmente includa nel pacchetto di installazione.

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print