Come Rimuovere Boot Loader Linux Ripristinando Windows 7

rimuovere boot loader linuxGRUB (Grand Unified Bootloader) rappresenta attualmente uno degli sforzi più singolari da parte delle architetture PC di tipo Linux di dar vita ad una generazione di bootloader in grado di garantire all’utente modularità e portabilità a livelli eccelsi, facilitando al kernel la rapidità di caricamento delle interfacce tipiche del filesystem in oggetto.

Come rimuovere boot loader Linux

Spesso accade che numerosi utenti rimuovano senza specifiche ragioni la distribuzione Linux in uso, mantenendo perciò intatto il bootloader di tipo GRUB, ingenerando non poche difficoltà all’avvio successivo di Windows, dovute all’assenza del loader specifico.

Il bootloader può comunque essere ripristinato, avendo l’accortezza di creare un disco di ripristino completo del sistema, a cui seguirà l’installazione del tool Partition Magic, di Symantec.

Partition Magic è in grado di operare con le partizioni di sistema partendo sia da un unpack del file completo che da live CD, permettendone l’uso anche nelle situazioni più impervie, al fine di accorpare la partizione ospitante Linux congiungendola a quella Windows.

Riavviando il PC dopo aver inserito nel drive il CD/DVD di ripristino, apriremo il prompt dei comandi del menu e tramite la digitazione del comando DOS recboot/fixmbr e recboot/fixboot potremo ripristinare le funzionalità di un tempo.

L’avvio dei sistemi operativi dipende dunque da un bootloader creato ex novo ed in grado di gestire entrambi all’avvio, perciò un disco di ripristino si rende utile qualora la compromissione risultasse tale da dover riportare lo status del PC alle origini, ripristinando il main bootloader, permettendo un avvio completo del sistema.

Tra le peculiarità principali di Partition Magic rientra anche la possibilità di effettuare dei resize dei volumi di unità, senza sperimentare tragici “data loss”, mantenendo inalterata la struttura dei supporti hard disk.

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print