Come tracciare allegati mail e sapere chi ha letto allegati email PDF

Come tracciare allegati mail e sapere chi ha letto allegati email PDFGmail migliora sul fronte della sicurezza web: una app che opera come programma per controllo documenti per Gmail consente di tracciare allegati mail che inviamo e sapere chi ha letto allegati email PDF.

docTrackr: programma per controllo documentale

Pochi client di webmail attuali consentono una rapida e pervasiva personalizzazione delle funzioni come accade con Gmail: con una apposita estensione, tra le molte disponibili, è possibile effettuare un vero e proprio “servizio all’interno del servizio”, ricercando e potenzialmente distruggendo gli allegati PDF impedendone la visualizzazione, oltre ad impostarne utili funzioni di stampa, copia e redistribuzione.

L’estansione è progettata appositamente per essere installata in combinato con il browser Google Chrome, ed opererà da remoto, secondo le nostre direttive.

Questo comodo plug in opererà dalla finestra di composizione messaggio, affiancando un nuovo pulsante accanto a quelli di invio che già conosciamo.

Sarà dunque possibile scrivere un nuovo messaggio dotato dei permessi che sceglieremo da un elenco già predisposto, eventualmente estendendoli o restringendoli agli utenti.

Viene richiesto un rapido login al servizio dedicato a docTrackr, preventivamente al quale avverrà una registrazione ad un account gratuito.

DocTrackr non necessita di un software client separato, rendendolo un’alternativa flessibile e rapida alla composizione di mail personalizzate in tema di privacy, senza per questo dover rallentare il proprio workflow.

Le parole del creatore dell’app sono, a proposito, incisive e dirette allo scopo di iniziative come Doctrackr:”Quando si distribuiscono o condividonodati nel cloud, nessuno saprà con certezza dove i propri dati approderanno. I recenti scandali a livello NSA mostrano che l’information loss è un problema tangibile nella sfera virtuale non protetta della condivisione”.

DocTrackr dunque si propone con un efficace mezzo, a breve estendibile anche ad altri formati documentali, per tutelare la privacy in Rete, perlomeno dal lato di condivisione e file sharing.

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print