Atari rinasce : il progetto di rilancio

atari-logoIn quanti, tra i nati negli anni 70 e 80, non hanno mai giocato ad un videogame della Atari?

Probabilmente almeno una volta è capitato a tutti.

Indimenticabili le consolle della storica casa statunitense fondata nel 1972 a New York (ma con residenza a Lione, in Francia): dalla 2600, alla ST, fino alla Falcon e alla Lynx.

Da molto tempo, però, la Atari vive una profonda crisi nel campo del gaming: la rilevazione di Infogrames negli anni 2000 non è riuscita a dare nuova linfa, tanto che il 21 gennaio 2013 l’azienda ha avviato le pratiche per la bancarotta.

Un periodo davvero molto buio per una marchio che è rimasto impresso nelle menti e nei cuori di tutti i videogiocatori oggi un po’ cresciutelli.

Tuttavia, si comincia ad intravedere qualche barlume di luce (e di speranza).

Non solo nel campo dei videogiochi.

Atari infatti starebbe testanto altre strade e puntando mercati e prodotti diversi per provare a rilanciarsi.

Stiamo parlando, in particolare, del tentativo della brand americano di tuffarsi nell’Internet of Things e nella “smart home”.

Grazie alla partnership siglata con la SIGFOX, una compagnia francese specializzata nella produzione di prodotti “low-energy” con connessione wireless.

L’alleanza tra i due gruppi permetterà la creazione di ulteriori dispositivi a marchio Atari.

Un rilancio niente male per l’azienda statunitense, visto il grande appeal che l’Internet of Things sta riscuotendo negli ultimi tempi.

L’obiettivo e molto chiaro: creare prodotti che possano mettere in contatto il mondo reale e la rete, utilizzando soluzioni facili, economiche ed efficienti.

I fan della vecchia Atari non devono disperarsi.

Alcune di queste ‘evoluzioni’ hanno a che fare proprio con il gaming, altre con lo sport, viaggi, animali domestici, e così via.

Come conferma il CEO di Atari, Fred Chesnais: “Collaborando e utilizzando la connettività IoT di SIGFOX, creeremo prodotti incredibili con il nostro brand. Puntiamo alla partnership con SIGFOX e alla commercializzazione di nuovi prodotti su scala globale”.

Il gruppo di Atari è convinto che l’Internet of Things stia giocando un ruolo preponderante.

Nell’ambito dell’intrattenimento interattivo una fusione tra reale e virtuale porterà ad importanti novità nel gaming.

La produzione, stando alle indiscrezioni, dovrebbe partire a fine anno: come detto, i dettagli sono ancora scarsi.

Di certo i futuri gadget saranno disponibili da subito su molti mercati internazionali. Si tratta solo di aspettare qualche mese per vedere se la resurrezione di Atari sarà davvero tale.

E tutto riparte da una console.

Atari VCS è stata presentata all’ E3 2017 di Los Angeles, ed è da allora che subisce continui rinvii nel tempo.  Logico pensare che la fenice rinata non voglia bruciarsi sul mercato proponendo qualcosa di già visto.

Eppure l’attesa sembrerebbe volgere al termine : sembra infatti esser stata indicata una data decisiva,  dicembre 2019.

Da fine anno quindi dovrebbe partire la vendita al pubblico.

In un video che trovate in fondo a queste righe viene mostrato in anteprima il nuovo design di Atari VCS; in molti si sono affrettati ad esclamare commentandone il design : un po’ retrò, un po’ futurista.

La console Atari VCS permetterà di utilizzare svariate applicazioni.

Fra queste si sa già di Netflix e Spotify.

Non manca una “Collectors Edition”, dal pannello frontale in legno (finto) e un modello “Onyx”, di colore nero e realizzato in plastica.

Costruita sulle ceneri della Atari 2600, ma naturalmente dotata di molti dettagli odierni.

Quattro porte USB 3.0 , grazie alle quali gli utenti potranno, fra l’altro, connettere periferiche per archiviare file, ma anche controller e tastiere. Un chip dual-core AMD Ryzen a 14 nanometri.

E poi l’uscita HDMI e una porta Ethernet : e quest’ultima, è chiaro, necessita per condividere e sfruttare la Grande Rete, tassello necessario ad una console che ambisce non più solo al gaming.

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Potrebbero interessarti anche...