Autonomia batterie al litio triplicata con procedura innovativa

batterie-al-litioEstesa e triplicata la capacità delle comuni batterie al litio per smartphone: cosa ci aspetta nel il futuro degli smartphone che la monteranno

Autonomia batterie, raggiunti nuovi confini

Come ogni “heavy user” di smartphone e tablet sa, spesso le correnti limitazioni dell’amperaggio della batteria impediscono di prolungare la vita di un ciclo di ricarica oltre le comuni aspettative.

Tuttavia, le classiche batterie agli ioni di litio, sfruttate in tutti i moderni prodotti tecnologici, hanno ancora, secondo uno studio recente, molte carte in serbo da giocare.

Una di esse è relativa alla costruzione fisica stessa delle batterie: la ricerca in questione, condotta in California, ha illustrato una modalità conveniente per triplicare la vita utile delle batterie modificando la produzione degli accumulatori.

In particolare, come sappiamo, qualsiasi batteria è costituita da anodi e catodi, in grado di trasferire elettroni dalla soluzione elettrolitica, generando dunque energia.

Mentre l’anodo è di norma costruito in grafite, oppure silicio, sembrerebbe che innestando un anodo creato con litio puro possa aumentare a livelli esponenziali la vita della batteria.

Fino ad oggi, la creazione degli anodi per accumulatori portatili tramite litio ha comportato non pochi problemi, per via della irregolarità che il materiale tende a mostrare una volta funzionante, inclusa la possibilità di cortocircuiti completi.

Il nuovo anodo a base di litio risulterebbe protetto, in questo nuovo schema, da una serie protettiva di microscopiche cupole in carbonio, un tessuto cosiddetto “nanospheres”, in grado di proteggere il device, nonché la batteria stessa, da eventuali leak o cortocircuitazioni.

La next generation delle batterie ricaricabili sembra essere dunque a portata di mano, una volta aggirate le difficoltà inerenti all’efficienza del processo.

Gli smartphone in grado di supportare la nuova batteria potranno così godere di oltre il triplo della carica attuale, a parità di amperaggio, per godere finalmente di molta più autonomia, in attesa della tanto acclamata ricarica solare.

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Potrebbero interessarti anche...