BeHop: progetto per creare un canale WiFi senza interferenze

BeHop: progetto per creare un canale wifi senza interferenzeL’evoluzione della connessione alle reti Wi-Fi porta il nome BeHop: un sistema particolare che consente di armonizzare più reti Wi-Fi annullando le interferenze.

Oltre i ruoter WiFi senza interferenze

Le reti Wi-Fi rappresentano attualmente, senza ombra di dubbio, il metodo preferenziale per ottenere connessioni a livello locale affidabili e durature. Tuttavia, nel caso in cui siano presenti nello stesso luogo più hotspot, è possibile riscontrare fenomeni di scarsa armonizzazione tra le reti, portando ad una ricezione del segnale non ottimale.

Un recente studio californiano del campus di Stanford ha dimostrato come sia possibile progettare un’infrastruttura wireless in grado di sfruttare gli access point da tutti conosciuti per ottenere una stabilità mai vista prima in ambito Wi-Fi.

Maggiore sarà dunque il numero di hotspot, tanto migliore si presenterà la qualità della ricezione. Il sistema utilizzato prende il nome di BeHop, e consente all’utente singolo di gestire la globalità della connessione come se appartenesse a lui solo, con tanto di SSID, password ed impostazioni dedicate.

Il campus di Stanford ha dunque utilizzato degli access point comuni, marcati Netgear, in accoppiata ad un open source in grado di permettere la connessione sfruttando la rete di access point presenti, tuttavia senza violare la privacy dei singoli, che si trovano ad affrontare sessioni di navigazione del tutto individuali.

Il software utilizzato consente una personalizzazione sia a livello locale che infrastrutturale, gestendo le risorse di rete ed assegnando gli access point laddove opportuno.

La distribuzione alla base del controllo di sistema è comprensiva di uno switch e di OpenWRT, già utilizzata con successo per connettere device Linux portatili. Gli studiosi che si sono dedicati alla ricerca hanno annunciato inoltre una futura release del codice open source prodotto per BeHop nell’immediato futuro.

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Potrebbero interessarti anche...