Mozilla Firefox web browser giochi come su console integrando Web GL

Mozilla Firefox web browser giochi come su console integrando Web GLMozilla fonde script per gaming su browser asm.js nelle librerie Web GL creando Firefox browser web in grado di emulare giochi su PC con qualità di console.

Mozilla Firefox integra le Web GL per giocare con il browser

Il panorama di giochi adatti all’ecosistema dei browser ha principalmente conosciuto, fino ad oggi, momenti altalenanti, costituiti da piccoli capolavori in tema fantasy/action GDR e horror cavalcanti la recente passione per zombies e vampiri.

Il tutto, spesso con grafiche non alla portata delle console casalinghe quali XboX e Playstation, relegandosi a grafiche meno sviluppate e trame di gioco poco rigorose.

Mozilla, sfruttando le potenzialità innate del suo Firefox, vuole decisamente capovolgere lo scenario, e portare alla ribalta il gaming via browser, elevandolo ad una qualità finora sconosciuta.

Pochi mesi addietro, infatti, Mozilla presentò all’evento Game Developers Conference un insieme di script noti come asm.js, in grado di permettere ai developer di giochi il porting dei titoli scritti in linguaggio C++ su Firefox, eguagliando le prestazioni originarie.

Per evitare l’installazione di pesanti e fastidiosi plugin, Mozilla ha cercato, durante la Game Developers Conference di quest’anno, di unire agli script asm.js la potenza delle WebGL, in grado di trasformare Firefox in una sorta di “macchina da combattimento” per videogames, ottenendo prestazioni allo stesso livello di quelle native.

Per dimostrare che l’unione di Javascript e WebGL rappresenta il futuro del videogaming via browser, Mozilla ha testato Deep Trigger 2, uno shoot ‘em up di successo, ed altre versioni alpha di giochi analoghi, che come è noto richiedono risorse e capacità di elaborazione grafica notevoli.

L’emulazione ha avuto successo ed è stata effettuata a velocità originaria: il browser si prepara, per questo motivo, a diventare il migliore alleato delle nostre console.

Le WebGL si preparano inoltre ad essere disponibili per piattaforme mobile quali Android, aprendo sostanzialmente il sistema operativo portatile ad altri mondi di colore e velocità di elaborazione, oltre a quelli delle semplici app.

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Potrebbero interessarti anche...