Patologie da smartphone : le ricerche seguono l’intensificarsi dei casi.

Finalmente la ricerca e la scienza hanno iniziato a divulgare sensibili studi e casistiche, perchè tutti si possa iniziare a prendere coscienza del problema.

Oggi possiamo dire che la mania da telefono mobile, che si tratti di uno smartphone o di un semplice cellulare 2G, è connotata con nomi ben definiti che possono rientrare a pieno titolo nell’ordine delle “patologie”.

Cellularomania o Nomofobia : ecco le patologie da smartphone.

Si perchè .. parliamoci chiaro : alzi la mano chi ancora non ne soffre.

Non vedremo molte mani alzate, forse per vergogna forse per timidezza ma la patologia sappiamo già che consiste nell’atavica difficoltà nel fare a meno di quella che ormai è diventata un estensione del nostro corpo.

Non solo : ci vogliamo mettere anche il terrore di non poter più essere in contatto con il nostro mondo?

Una ricerca è stata portata a termine dall’ente di ricerca britannico Yougov

Dallo studio ecco arrivare risultati tutt’altro che incoraggianti sulla manìa da smartphone, descrivendoci come individui che tendono a considerarlo come uno strumento per soddisfare bisogni di ordine affettivo-relazionale.

Tutti in generale lo considerano lo strumento principale (o l’unico) per comunicare.

Tutti casi che a quanto pare sembra abbiano bisogno di una buona psicoterapia per uscirne.

Della ricerca hanno fatto parte anche giovanissimi.

E’ emerso che oltre 6 ragazzi su 10, di età compresa fra 18 e  29 anni, vanno addirittura a letto in compagnia dello smartphone.

E che dire di quel 53% di individui che tendono a manifestare stati d’ansia quando rimangono a corto di batteria?

Ma anche a corto di credito, oppure a corto di copertura di rete… insomma : nasce il dramma dell’isolamento digitale che provoca isolamento sociale, e che di dramma si tratti, per molti di noi, vi sono pochi dubbi.

Parlarne è importante per fare autocritica e sancire l’inizio della fine dello schiavismo da smartphone… se ci riusciamo!

Sono state individuate almeno 5 patologie derivanti dall’uso eccessivo dello smartphone, ben riassunte da questo articolo del Corriere.it

Eccole riassunte di seguito.

La postura sbagliata

Collo dolorante e schiena intorpidita : sono i sintomi della sindrome «TextNeck», un problema di postura legato al guardare il display dello smartphone in continuazione o per lungo tempo, mentre cresce il numero di pazienti giovani con ernie del disco e problemi di allineamento vertebrale della colonna.

Tendinite al polso e infiammazione ai tendini.

Pure la tendinite al polso! La motivazione è semplice : troppo ore il telefono fra le mani provocano un problema di “eccessive sollecitazioni” sui tendini, che possono infiammarsi.

Problemi alla vista e disturbi del sonno.

Peggioramenti della vista soprattutto legati alla lettura notturna, magari prima di dormire, a causa probabilmente della luce degli schermi che provocherebbe rossore, irritazione, secchezza, affaticamento, visione offuscata. E ulteriori conseguenze poi arriverebbero con mal di testa e disturbi del sonno.

Il cosiddetto pollice da smartphone.

E’ individuabile con i dolori alla base del pollice, a causa di uso intenso del pollice stesso per scrivere dei messaggi, o via e-mail, o via chat. Il timore è che l’approdo finale possa essere una sorta di epidemia  di artrosi.

Identità estesa e ansia da isolamento.

Lo smartphone diventa «contenitore di ricordi» : con il tempo l’utilizzatore tende a identificarcisi, cui si aggiunge la paura di non essere raggiungibili. Uno stato di ansia difficile da gestire per migliaia di persone.