Streaming & Smartphone sono il futuro della musica?

Molto interessanti gli spunti che arrivano dal nuovo report ‘The Music Consumer Insignt Report 2016′ : si tratta di uno studio “globale” prodotto da Ipsos Connect al fine di rilevare e studiare quelli che potremmo definire “consumatori musicali”, residenti in 13 mercati ritenuti fra i maggiori al mondo (Usa, Canada, Gran Bretagna, Francia, Germania, Spagna, Italia, Svezia, Australia, Giappone, Corea del Sud, Brasile e Messico).

Il rapporto ci consente di ufficializzare una crescita imponente dei servizi in abbonamento di streaming audio e di confermare anche nei numeri, oltre che nella percezione comune,  YouTube come fonte principale.

Non solo : il rapporto evidenzia quanto l’uso degli smartphone per ascoltare musica sia ormai per divenire prevalente.

Ecco i numeri : il 71% degli utenti online tra i 16 e i 64 anni accedono ai servizi di musica online.

La crescita è evidente in modo particolare fra i giovani sotto i 25 anni.

Approfondendo si scopre che un terzo dei giovani tra i 16 e i 24 anni paga abitualmente per i servizi di streaming audio.

Il dato aumenta se l’età è compresa tra i 13 e i 15 :  l’82% di costoro ascoltano musica con streaming legali e la maggior parte di questi è disposta a pagare per l’ascolto.

UsoSmartphone-youtube

Dicevamo di YouTube : è il servizio di musica online più utilizzato.

Fra i suoi utenti L’82% lo usa per l’ascolto della musica e la tendenza è ascoltare musica, molto più che la caccia a nuova musica.

L’ascolto della musica? Con gli smartphone.

Già perchè i device portatili hanno acquisito uno spazio centrale, spesso sostituendosi al computer, in modo ancor più evidente nei Paesi più sviluppati.

La pirateria non è ancora vinta.

Il rapporto infatti non trascura  il principale problema , che rimane la violazione del copyright ad uso di ben il  35% degli utenti online.

I servizi illegali in rete riguardano circa la metà (il 49% per la precisione) degli utenti tra i 16 e i 24 anni, laddove la propensione alla violazione delle regole è più marcata nelle abitudini e, aggiungiamo noi,  inutile nascondere quanto l’autonomia di spesa specie con carte di credito e mezzi elettronici,  è piuttosto limitata.

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Potrebbero interessarti anche...