Tutta la verità sul 4G : è vero che consuma di più?

Tutta la verità sul 4G : è vero che consuma di più?

Iniziamo subito diretti, con la pura verità : è vero che il 4G consuma più giga di traffico  dal nostro piano tariffario?

La risposta sarà chiara, ma merita un ragionamento che approfondisca : si, è vero.

Vediamo perchè il 4G consuma di più.

Innanzitutto la questione più tecnica :

il 4G erode più traffico per l’alta velocità.

Questa infatti implica che la sua tecnologia ci lasci caricare tutto e subito, nella fase di navigazione o ascolto se si tratta di elementi audio o video (e ogni elemento che viene caricato ha un peso in kbyte).

il 4G erode più traffico per i contenuti video scaricati alla massima qualità (1080/720).

In questo modo risultano chiaramente molto più pesanti che guardarli in 3G con banda satura (o quasi).

Alcuni dicono “basta abbassare la risoluzione del video fruito su youtube“… ma chi è che si cimenta con le impostazioni per  abbassare la risoluzione di un video per non erodere più traffico?! Nessuno.

il 4G erode più traffico per l’alta definizione.

Audio e video che possono finalmente esser fruiti a pieno sulla sua banda ultraveloce , godendo appieno della qualità e (come per la spiegazione al punto 2) tale qualità richiede più banda a disposizione.

Il 4G consuma più batteria?  A questo quesito invece la risposta è negativa.

Anzi la batteria si ottimizza a fronte del fatto che il 4G utilizza una frequenza più bassa rispetto al 3G (800 Mhz , contro i 2100 Mhz della precedente tecnologia) ampliando così la copertura.

A maggior ragione negli spazi interni, inducendo pertanto il device a faticare meno nel cercare una copertura.

4g E allora perchè il consumo dei GB aumenta quando si passa al 4G?

La percezione corrisponde a inevitabile realtà : infatti la maggiore velocità a disposizione sollecita un uso maggiore del dispositivo.

Ovvero maggiore velocità si ha a disposizione, e maggiore sarà il numero di siti web, video, musica, che si andranno a visitare.

Sembra una spiegazione di comodo, invece è una verità che deve indurre tutti alla riflessione.

Una maggior velocità di fruizione ci permette di raggiungere e visualizzare più contenuti in minor tempo.

Riducendo la nostra percezione della quantità di ciò che abbiamo visto e/o ascoltato.

Quindi dopo quello tecnico entra in gioco il secondo aspetto : quello psicologico.

La questione comportamentale e psicologica :

  • Chi usa il 4G riesce a vedere più cose in un tempo decisamente ridotto, aumentando gli elementi (foto, contenuti, pubblicità, immagini) downloadati, pertanto usando più traffico rispetto a chi usa il 3G.
  • il 4G consente ad esempio di aprire un video velocemente scaricandolo tutto pur se questo verrà visto solo in parte : la nostra percezione rimarrà comunque quella di avere visto pochi secondi, in realtà…
  • il 4G stimola una maggiore quantità di navigazione : visitando in 3G (per ipotesi) 10 pagine in 5 minuti, con la velocità del 4G potremo visitarne 20 o più nello stesso lasso di tempo, raddoppiando (o più) i consumi.
  • La velocità di fruizione non permette al nostro cervello di razionalizzare sulla quantità di download generato, lasciandoci stupiti per l’incremento di consumi rispetto al passato.

 

In conclusione : il comportamento che adottiamo quando facciamo qualunque cosa è parte integrante e fondamentale ai fini della nostra percezione del risultato stesso.

Sempre.

Anche con la nuova tecnologia LTE , comunemente conosciuta con il marchio di 4G, la regola appena descritta non fa difetto.

E’ vero che vi sono alcuni accorgimenti, spiegati sopra, che permettono al 4G di consumare di più.

Ma è pur vero che la maggior responsabilità dell’incremento dei consumi è dovuto al drastico calo dei tempi di attesa.

Quindi anche al calo della nostra attenzione rispetto a ciò che facciamo durante la navigazione.

Impadronendoci nuovamente di un maggior controllo, capiremo che la rinnovata capacità di attenzione rispetto a quanto facciamo ci ripagherà di un bel pò di megabyte in più.

 


Condividi il contenuto su...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*