Allarmi malware sugli smartphone Android

Milioni gli smartphone Android che possono diventare vulnerabili.

Le cause sono molteplici e sono rintracciabili soprattutto nella fame che hanno in Rete gli Hacker, di sponda governativa o anarchica, dei dati personali e sensibili.

Questi ultimi infatti rappresentano un valore, moneta sonante quasi al pari di oro o metalli, con cui si possono ottenere guadagni interessanti. E il deep web ne è solitamente il veicolo.

Il cavallo di troia fra i più recenti è stato scoperto da Lukas Stefanko , ribattezzato con i nomi :

  • Android/Spy.Banker.AJZ
  • Android/Spy.Banker.AKB

Tutto inizia da una finta notifica sullo smartphone, così che la vittima sia spinta ad accedere all’applicazione di Paypal che, una volta lanciata, mostra una schermata con un messaggio che chiede di “abilitare le statistiche“.

Facendo clic su “ok” l’utente permette al trojan di attivarsi.

Da qui in poi viene eseguito un pagamento dal conto paypal a quello dei cyber-criminali: il raggiro è talmente rapido che la vittima appena si accorge del tranello. Senza riuscire a fermare la procedura.

Per altro va detto che questo avviene ogni volta che l’utente “agganciato” aprirà l’app Paypal : quindi un futro che potrebbe ripetersi in serie.

Unica speranza è che sul conto vi siano fondi insufficienti per completare le transazioni successive.

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print