World Cup 2018 : gli hotspot Wi-Fi dei mondiali sono insicuri

Tifosi da tutto il mondo si stanno preparando per i prossimi mondiali di calcio 2018 che si svolgeranno in Russia. Fra questo però vi sono già hacker pronti a intrufolarsi nei sistemi informatici delle città ospitanti che cercano di creare connessioni WiFi sicure.

Sembra infatti che più del 30% degli hotspots degli WiFi dei Mondiali 2018 abbiano problemi di sicurezza informatica. Purtroppo, questa è una vittoria schiacciante per i criminali informatici e lo stato sovietico sta cercando di porre rimedio con le unghie e con i denti.

Fra le città più sicure sotto questo punto di vista rientrano San Pietroburgo.

Subito dopo : Kaliningrad e Rostov ma anche in queste zone la percentuale di sicurezza non va oltre il 70%.

Di conseguenza, purtroppo nessun hotspot WiFi dei Mondiali 2018 è completamente sicuro.

Basti pensare che anche le reti protette con WPA2 non risultano impenetrabili.

Gli hacker possono esser capaci anche di intercettare il traffico in una qualunque connessione protetta con WPA. Ma come ci riescono? In pratica, intrufolandosi nel “gap” fra il dispositivo che si connette ed il punto d’accesso, gli hacker riescono a penetrare senza problemi.

Inoltre, lo staff dei Mondiali 2018 ha scoperto email obsolete che proponevano biglietti ad un prezzo 10 volte maggiore rispetto a quello standard. Peggio ancora, tali biglietti non sono nemmeno utilizzabili ed i trasgressori che li vendono riescono a prendere il denaro e i dati personali di coloro che li acquistano.

Naturalmente, la security e tutto lo staff che lavora dietro alla sicurezza informatica è schierata appositamente per proteggere tutti i tifosi da questo attacco cibernetico.

“Email obsolete, siti fasulli e grandi attacchi informatici tradizionali sono già stati previsti per quest’estate.

Siamo pronti a difenderci” ha dichiarato Steve Durbin, direttore dell’Information Security Forum di Londra che collaborerà alla sicurezza informatica per i prossimi mondiali di calcio in Russia.

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print