Facebook ha copiato Twitter e nessuno ci ha fatto caso ?

Facebook ha copiato Twitter e nessuno ci ha fatto caso ?

Ultimamente Facebook sembra offrire qualcosa di nuovo, una funzione che Twitter ha da quando è nato il social network.

Facebook ha copiato Twitter? Andiamo con ordine . 140 :  cosa vi dice questo numero ?

Se avete usato Twitter in questi ultimi anni, saprete bene che è il limite di caratteri che potete inserire direttamente in ogni piccolo status di quel social network.

Tornando a Facebook una delle ultime novità presenti è uno speciale status che possiamo postare direttamente con dei piccoli sfondi che possiamo selezionare, con un limite di 130 caratteri.

Questi status speciali hanno del testo più grande ed in prevalenza, facendo “risaltare” meglio il nostro messaggio così che i nostri contatti lo noteranno meglio.

Del resto, se andiamo oltre i 130 caratteri, lo status prenderà a cambiare in un normalissimo testo al quale siamo stati abituati fin dall’inizio.

Se proprio vogliamo essere precisi e giusti, Facebook non ha esattamente preso una copia in scala 1:1 di ciò che fa Twitter, ma ha preso in prestito una formula che funziona da molti anni.

Il testo più grande e lo sfondo incoraggiano gli utenti a farne un uso maggiore.

Questo permette di dare una spinta generale a scrivere di meno per ottenere più “mi piace” e condivisioni.

Con la già grande popolarità del social network per eccellenza questa formula è un curioso dettaglio che per un momento della loro storia, convola i destini  Twitter e Facebook in una comunione di metodi.

Cosa significa questa novità per gli utenti?

Chi la utilizzerà avrà modo di apprezzarla e farne uso, ma con Twitter sappiamo come già funziona.

Ora sappiamo che aldilà di tutto, aldilà dei rispettivi destini dei due social network, questa modalità di velocità e brevità di comunicazione sopravviverà ad entrambi.

 


Condividi il contenuto su...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*