Steller, social network per chi ama creare storie

steller

E’ facile intuire che il suo nome derivi da una crasi tra Story + Teller: Steller.

L’iniziativa è differente dagli scopi di Facebook, Twitter, Pinterest, Instagram o il turbinoso insieme di network che vanno giorno dopo giorno creandosi nelle profondità del Web. Mantiene comunque aspetti comuni al social in blu, ovvero il desiderio di stimolare la creatività dei propri utenti grazie ad uno spazio online personale per la creazione di narrazioni originali accompagnate da immagini, suoni ed ovviamente testi.

Tuttavia Steller è probabilmente l’unica vera visual storytelling app, disponibile sia su dispositivi Android che iOS.

L’app permette di trasformare immagini e video in brevi storie molto interessanti dal punto di vista comunicativo, probabilmente più efficaci sotto questo punto di vista rispetto a quelle realizzabili utilizzando il più blasonato Instagram.

Steller ha alla propria base un sistema di publishing ed interfacce ereditato direttamente dai comuni weblog, migliorato ed enfatizzato dagli ultimi trend grafici che lo rendono un vero e proprio album virtuale sfogliabile.

Il look viene scelto dall’utente stesso attraverso l’inserimento di hashtag quando necessario, e soprattutto di fotografie in grado di accordarsi ai contenuti testuali creati dall’immaginazione dell’autore.

Le foto rappresentano una parte preponderante di quanto proposto su Steller, a differenza di altri medium e social network in cui si presenta un peso maggiormente a favore dell’opzione “pura immagine”, che tende a soverchiare il testo.

Visual storytelling, immagini e video risultano fusi in uno scrittoio individuale.

Tutto è a portata di app, essendo accessibile principalmente tramite smartphone. Seguendo così il lungo strale di applicazioni social che hanno confermato la cosiddetta mobile-experience essenziale nell’espressione istantanea dei milioni di utenti di device portatili in tutto il mondo.

L’applicazione si compone di diversi riquadri in tinte tenui, dove tramite un tipico wizard è possibile selezionare quanto occorre per allestire una storia scritta di qualità notevole. Grazie soprattutto al design minimalista e all’ampia selezione di font e layout, prima di rendere il tutto esportabile, qualora lo desiderassimo, tramite i network preferiti.

Steller riporta perciò al centro del coinvolgimento online e della pura creatività la parola scritta, offrendo vetrine digitali per la lettura breve e contemporaneamente artistica di testi che, di certo, su altri network non sarebbero riusciti a giungere appieno alla mente del lettore, confermandosi una delle app più interessanti nel suo genere.

L’approccio alle storie di Instagram

Diverasamente invece, questo strumento appartenente al social che oggi è fra i più utilizzati, permette di creare nuove “storie” scorrendo la schermata da sinistra verso destra o cliccando sull’icona che contiene il simbolo “+”.

Di conseguenza è possibile :

  • realizzare il tuo video di 10 secondi
  • scattare una o più foto direttamente dall’app
  • importare immagini dalla tua galleria o video allo stesso modo.

Ma solo le immagini scattate nelle ultime 24 ore.

Su Instagram l’aspetto più interessante è rappresentato dal fatto che le immagini e i video, prima che finiscano all’interno della tua “storia”, possono essere editati. Ad esempio utilizzando appositi filtri, applicabili scorrendo lo schermo da destra verso sinistra o viceversa.

Ancora prima di salvare e pubblicare è inoltre possibile scrivere, aggiungendo anche emoticon, sulle immagini ruotando, ingrandendo o spostando il testo all’interno della schermata. Tuttavia il risultato non supera quello ottenibile utilizzando Steller. Infine potrai intervenire anche utilizzando dei colori, scegliendo tra diverse tipologie di pennello e di colori.

Dopo avere pubblicato la tua storia potrai eliminarla, salvarla o anche condividerla come post sul tuo profilo Instagram ma anche impostare delle limitazioni.

Potrai :

  • nascondere le tue storie ad utenti singoli
  • decidere se permettere i commenti a tutti o solo alle persone che segui.

Con WhatsApp l’approccio è forse il più semplice.

Infatti è possibile inserire immagini o video, testi singoli e persino link, tutto direttamente da smartphone e in modo semplificato con pochi tap.

Sicuramente si tratta della situazione di utilizzo più immediata. Soprattutto per chi non ha grosse pretese ma vuole comunicare la sua “storia” con semplicità ai propri contatti.

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Potrebbero interessarti anche...