BlueStacks emulatore Android per PC

Sicuramente è capitato un po’ a tutti di voler utilizzare Android su PC. Con le ultime versioni l’emulatore integrato in Android Studio potrebbe quasi essere una buona scelta.

Il peso totale del software è di diversi gigabyte e per l’utente medio è preferibile un software apposito.

L’emulatore Android più utilizzato è BlueStacks, recentemente aggiornato alla versione 4.0.

Con un restyling dell’interfaccia della schermata iniziale, adesso più reattiva ed intuitiva rispetto la precedente. La nuova GUI è più simile a un sistema operativo desktop, senza schede, in pochi passi si raggiunge qualsiasi app e schermata.

Non manca il supporto multi istanza per poter usare diverse app e giochi contemporaneamente senza interromperle o switchare tra loro.

BlueStacks consente di usare gli APK Android e qualsiasi applicazione disponibile sul Play Store anche in ambiente Windows. E’ testato su Windows 10 ma la compatibilità dovrebbe assicurarne l’esecuzione anche su Win 8.

In BlueStacks 3.0 il problema più grande era l’uso estremo delle prestazioni con picchi che arrivavano anche a saturare la RAM e spesso anche la CPU.

Nella versione 4.0 il problema è stato quasi del tutto risolto.

Adesso BlueStacks utilizza circa il 30% della CPU.

Oltre all’interfaccia ed alle prestazioni generali, con la versione 4 sono state introdotte diverse ottimizzazioni per rendere l’emulatore adatto anche ai videogiochi.

Tra i vari Clash Royale e PUBG sempre più giocatori si stanno dando al videogame su mobile e qualcuno preferisce addirittura giocare a tali giochi però usando il PC. BlueStack riesce anche in questo.

Grazie alle nuove caratteristiche, chi utilizza BlueStack lo fa per circa cinque ore ogni giorno e spende in media 3 volte di più in acquisti in app rispetto chi gioca agli stessi videogame usando uno smartphone.

BlueStacks integra molte funzionalità che avvantaggiano un giocatore rispetto chi usa i device mobili, come macro delle gesture, controlli di precisione personalizzabili, particolarmente utile per chi è appassionato di sparatutto, elevate prestazioni grafiche e livelli di dettaglio che altrimenti si possono avere solo con smartphone di fascia enthusiast che costano anche 800/900€.

Possiamo ad esempio sfruttare l’intero monitor del PC, le cuffie da gaming con audio posizionale, ma soprattutto mouse e tastiera, di gran lunga più comodi del touchscreen in diversi giochi.

BlueStacks ha anche avviato diverse partnership, ad esempio chi gioca a PUBG o Lineage 2 dovrà scaricare anche il pack aggiuntivo chiamato xPack. Tale pacchetto contiene migliorie per le prestazioni apposite per i giochi eseguiti sull’emulatore, nuove skin, wallpaper e migliora la compatibilità con i controller per computer.

Potete scaricare BlueStacks 4 dal sito ufficiale, del tutto gratuitamente.