Tablet : aggiornamento su mercato e prodotti

Se tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, tra il pc e lo smartphone c’è di mezzo… il tablet.

Le sua capacità di ottimizzare operazioni complesse, unite ad una grande maneggiabilità e portabilità, hanno garantito una fetta di mercato interessante.

“In medio stat virtus” dicevano i latini, ed effettivamente il tablet è uno strumento sempre apprezzato da molti, ma il trend di mercato vede ormai il segno meno da diverso tempo.

ecco i dati aggiornati al primo trimestre 2019


Tablet è utilizzato prevalentemente per navigare e per i videogiochi.

Come è noto per uso privato questi sono gli usi comuni per i tablet. Considerando che oggi oltre la metà  della popolazione mondiale è connessa a Internet , particolarmente lampante è il dato sulla penetrazione delle connessioni mobile.

Il 93% degli esseri umani è connesso via mobile, con picchi in alto del 151% in Europa,  e picchi in basso del 67% nel continente africano (dati del 2017).

Elementi che più ancora danno il senso di come, smartphone e tablet, siano strumenti principi per l’accesso alla rete e, dunque, alle informazioni e alla comunicazione con il mondo.

Per uso professionale : mail e app spadroneggiano.

uso-del-tabletIl tablet a fini professionali sia utilizzato con client di posta elettronica e per l’uso di specifiche applicazioni aziendali.

Queste ultime sono la porta di accesso ai server aziendali (fisici o sulla nuvola) per accedere ai file in mobilità.

Ma l’uso spazia anche verso altre funzioni : dal prendere appunti (funzione notepad) così come per scattare foto.

Ora : se state scandagliando il mercato alla ricerca di un dispositivo che possa fare al caso vostro, forse è il caso che buttiate un occhio agli ultimi prodotti, che riescono a fornire performance molto alte a costi non eccessivi.

Attorno ai 100 euro potete trovare tablet interessanti.

Come l’Amazon Fire : ideale per guardare film in compagnia, vista la presenza di uno schermo IPS da 1024×600 con angolo di visione pari a 180 gradi.  Un ottimo 7″ in differenti colorazioni ,  fino a 7 ore di lettura e poi navigazione internet tramite Wi-Fi, video e musica.

Inoltre da non sottovalutare l’opzione Kindle Unlimited che permette di leggere libri scegliendo tra oltre un milione di titoli, ed è gratis per 30 giorni.

Se volete qualcosa di più potente spendendo qualcosina in più, ecco che Amazon Fire HD 6 può fare al caso vostro: il processore, una CPU quad-core da 1.6 ghz, è una garanzia. Da non sottovalutare la capacità di memoria, che può arrivare anche a 16 gb.

Salendo un po’ di prezzo ecco che troviamo il Samsung Galaxy Tab E (a circa 140 euro), con display da 9.6 pollici, un processore da 1.3 GHz, RAM 1.5 GB, e un Hard disc da 8 GB.

Anche Huawei è entrato da tempo sul mercato dei tablet  : Huawei Mediapad T3 ha un display da 10″, una  Memoria RAM da 2 GB, e una ROM da 16 GB Espandibile Fino a 128 GB con MicroSD, per un costo che è di circa 140 euro.

Dati di vendita dei tablet per il 2016 : tutt’altro che confortanti.

Nell’ultimo trimestre del 2016 il settore ha visto il nono calo consecutivo, con un numero di pezzi a livello mondiale che si è attestato a 52,9 milioni. Si tratta del 20,1% in meno rispetto al quarto trimestre del 2015, mentre per tutto il 2016 si è registrato meno 15,6% per 174,8 milioni di dispositivi totali venduti.

Per quanto concerne la “classifica” il capostipite della tavoletta è in testa :  42,6 milioni di Ipad : Apple ha venduto 7 milioni di pezzi in meno rispetto al 2015. Eppure ha mantenuto una fetta di mercato del 24.4%.

Il rivale di sempre è al secondo posto : Samsung ha venduto 26,6 milioni di tablet (sono stati 33,4 milioni nel 2015) mantenendo una fetta del 15,6% della torta.

Al terzo posto Amazon ha raddoppiato le vendite di Kindle arrivando a 12,1 milioni di pezzi : essere il leader delle vendite on line conta eccome per imporre prodotti propri.

Segue stabile Lenovo a 11,1 milioni di pezzi, e Huawei a 9,7 milioni di pezzi (rispetto ai 6,5 del 2015).

Nota positiva del mercato sono i tablet 2 in 1 : più volte recensiti su MondoTecno, sono i device con tastiera “staccabile” che godono di un’attenzione particolare da parte dei consumatori anche se i prezzi non aggressivi ne determinano l’ancor lento progresso.

Secondo trimestre 2017 vede la ripresa, Secondo trimestre 2018 conferma la caduta.

Le vendite dei tablet business nel secondo trimestre 2017 si sono attestate a 17,3 milioni di dispositivi, in crescita del 7,5% rispetto al trimestre precedente e dell’ 0,7% rispetto al secondo trimestre 2016.

Fatto sta che l’escalation di vendite viste negli anni passati fatica a trovare un ulteriore spinta : IDC  conferma un ulteriore contrazione del 13,5% nelle vendite nel secondo trimestre 2018. Sono stati 33 milioni i pezzi venduti in questo periodo, e di questi 28,4 milioni sono i tablet “tradizionali”.

I dispositivi dotati di tastiera registrano un calo sul 2017, anno in cui le vendite erano state galvanizzate dalle novità tech di Microsoft e Apple. Novità mancanti in questo periodo.

Apple mantiene la leadership con un 35% circa di fetta del mercato, la insegue Samsung con un 15,1%, insegue Huawei che piazza una quota del 10,3%. Lenovo è quarta con il 6% e Amazon è al 5% incidendo con un disastroso -33,5% sulle vendite positive del 2017.

Primo Trimestre 2019 : ombre (tante) e luci (poche)

Dati recenti evidenziano che le spedizioni a livello mondiale sono arrivate a 37,15 milioni di unità (+13,8% rispetto al 2018, ma -12,9% rispetto all’ultimo trimestre 2018)

Apple conservato la leadership assoluta anche nel primo trimestre 2019, ma basterebbe pensare che tra ottobre e dicembre 2018 ha commercializzato 14,5 milioni di iPad, corrispondenti ad un 10% in più rispetto nello stesso periodo del 2017.

Ora la Mela è incalzata da Huawei, e al suo modello MediaPad (4,6 milioni di unità complessive) grazie al quale raggiunge (nel trimestre) la seconda posizione, davanti a Samsung. Quest’ultima ha portato a casa un incremento (il primo dal 2014) grazie ai 7,5 milioni di tablet consegnati nel 2018 (rispetto ai 7 milioni del 2017).

Amazon mantiene la sua ampia fetta, con 5,5 milioni di unità consegnate.

Seguono Microsoft in quinta posizione e Lenovo al sesto scalino della classifica.

2 su 3 dei modelli acquistati sono modelli da 10 pollici.

I dati complessivi del 2018 :

  • Apple : 44,9 milioni di pezzi (43,8 milioni del 2017).
  • Samsung : 23,1 milioni di pezzi (contro 24,4 milioni)
  • Huawei : 15,4 milioni di unità ( da 13,3  dell’anno prima)
  • Amazon : passa da 12,4 a 11,3 milioni di unità
  • Lenovo : 8,8 milioni di pezzi (contro 10,3 milioni nel 2017)
  • Microsoft : passa da 7,3 milioni a 7,1 milioni di tablet.

 

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print