Recensione: Smartband Sony SWR10

La corrente evoluzione tecnologica spinge le aziende ad innovarsi continuamente. I dispostivi tecnologici sono sempre più intelligenti e attenti alle esigenze dei consumatori. Fra tali dispositivi, sempre più utilizzati sono i wearable devices, quei dispositivi elettronici indossabili per attività fisiche, passeggiate e persino nuotate.

Sony è stata tra le prime a credere nel wearable con la sua smartband SWR10 e, come la maggior parte dei wearables, è in grado di tracciare la distanza percorsa, i passi e le calorie bruciate, oltre che la qualità del sonno.

Tuttavia, considerare la SWR10 una smartband come le altre è riduttivo, dato che grazie ad essa possiamo tenere un vero e proprio diario della nostra “vita” grazie all’app Lifelog.

Caratterristiche della Smartband Sony SWR10

Il design della Smartband Sony SWR10 molto sportivo grazie ad un cinturino in silicone comodo, elegante ed impermeabile. SWR10 è inoltre in grado di accompagnare l’utente anche in piscina e sotto la doccia.

Il bracciale vibrerà per qualche secondo all’arrivo di una notifica, mentre vibrerà più a lungo quando riceveremo una chiamata.

La vibrazione, inoltre, potrà essere associata anche alla sveglia e, grazie alla funzione risveglio intelligente, la smartband attenderà una fase di sonno leggero per svegliarci.

Lifelog: un app innovativa

Come accennato la smartband sella Sony si contraddistingue per l’utilizzo abbinanto all’app Lifelog. Lifelog ha una sorta di diario, rimanendo sempre attiva in background.

Aprendo l’app si potrà visalizzare una timeline di tutte le attività effettuate tramite smartphone: le volte che viene consultato Gmail, la foto che abbiamo scattato durante la cena o le volte che abbiamo aperto un social network per controllare il profilo verranno tutte riportate in un’apposita sezione.

L’applicazione Lifelog registra tutto quello che deve e la batteria dura per giorni senza il minimo problema, ma per chi è in cerca di un rilevatore di attività preciso ed impeccabile può trovare alternative più valide altrove.

Il tracking di Lifelog permette di farci rendere conto di quanto tempo passiamo allo smartphone, quanto utilizziamo le varie app, di quanto giochiamo.

Insomma, non solo calorie bruciate e passi fatti, ma anche un vero e proprio controllo della vita quotidiana.

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print