Wearable : il futuro che ci aspetta.

Considerando la costante e frenetica evoluzione tecnologica, soprattutto in campo informatico, le aziende sono sempre sull’attenti di fronte alle innovazioni e le news che si presentano ogni giorno.

I dispositivi tecnologici del 2018 sono sempre più intelligenti e pronti a rispondere alle numerose esigenze degli utenti.

Fra tali dispositivi rientrano anche i cosiddetti dispositivi wearable, ovvero tutta quell’oggettistica tecnologica che viene indossata.

Nuovi e “vecchi” dispositivi wearable

Già nel 2016/2017 sono apparsi sul mercato numerosi strumenti da mettere al polso, chiamati smartwatch/ o cardiofrequenzimetri/ o sportwatch/ o in quale altro modo desideriamo catalogarli.

Garmin è stato uno fra i principali brand a produrli e oggigiorno stanno diventando sempre più comuni fra sportivi e non. Detto questo, la novità è già arrivata sul mercato. Si parla quindi di upgrade, di miglioramenti e di aggiornamenti di tali accessori, per il momento.

Ci sono comunque nuovi dispositivi wearable che stanno nascendo, basti pensare ai plurinominati-sul-web smart glasses. Ovviamente, i colossi Apple, Facebook e Google stanno già investendo su questa tecnologia, anche se fino ad oggi il più comune sembra esser stato prodotto da Amazon (rinomato per il suo assistente vocale Alexa).

Dispositivi wearable: salute e comunicazione

Sapevate che è possibile monitorare anche la salute con i dispositivi wearable? Non solo smartwatch e fitness tracker che permettono di contare i passi e le calorie bruciate, ma anche vere e proprie “smart patches”.

Cosa sono? Sono semplici adesivi ipertecnologici che, applicandoli sulla cute, riescono a monitorare alcuni parametri fisici fondamentali. Industrie come Qualcomm e Samsung stanno studiando ed investendo su tale settore e nei prossimi anni sono previste nuove introduzioni sul mercato per quanto riguarda il campo del monitoraggio tecnologico della salute.

Sono già in previsione anche cuffie e auricolari che permettono di agevolare le traduzioni simultanee fra due parlanti di lingue differenti. Già alcuni modelli sono sul mercato e Google sta fornendo un notevole supporto in questo ambito.

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print