I migliori siti di Video Gratis: cinque alternative a YouTube

I migliori siti di Video Gratis: cinque alternative a YouTube

Siete alla ricerca di alternative a YouTube?

Abbiamo classificato i migliori siti di video gratis con funzionalità simili a YouTube.

Aggiornato a Novembre 2017

Vi siete mai domandati se esistono possibili alternative a Youtube?

La risposta è : assolutamente si.

Youtube infatti non è l’unico sito di video gratis in circolazione anche se, senza ombra di dubbio, è il più usato di tutti.

Secondo le rilevazioni aggiornate di Alexa risulta addirittura, e stabilmente, il secondo sito web più visitato in Italia.

Ecco siti simili a YouTube.

  • Vimeo è Probabilmente il concorrente YouTube più aggressivo.

Il sito di video sharing sta registrando circa 17.000 nuovi video caricati ogni giorno.

È un sito alternativo a YouTube dotato di maggiore qualità e dal design molto curato, destinato evidentemente a una platea di utenti di èlite, che cercano qualcosa di più di YouTube.

E’ primo sito di video sharing che ha supportato la condivisione di video ad alta definizione.

Fondato nel 2004 da Jake Lodwick e Zach Klein , il nome è un gioco di parole fra le parole video e io  , Vimeo attrae più di 100 milioni di visitatori unici al mese e più di 22 milioni di utenti registrati.

Con un 15% di traffico da dispositivi mobili, anche la Casa Bianca pubblica le versioni ad alta definizione delle sue trasmissioni a Vimeo.

A cavallo fra il 2016 e il 2017  Vimeo ha acquisito prima VHX , piattaforma per canali video premium orientata ai filmmaker indipendenti che vendono le proprie opere direttamente.

Poi è arrivata la volta di Livestream che permette di trasmettere contenuti video in diretta utilizzando una fotocamera e un computer tramite Internet, grazie alla quale ha rafforzato il fattore umano professionale e la tecnologia.

 

  • Ted è tra le alternative a YouTube che si caratterizza per innovazione e intuitività grafica.
Si tratta pur sempre di un sito di video sharing dove tutti i contenuti sono catalogati in base a temi o parole chiave.

In questo modo potrete sbizzarrirvi in ricerche creative che allargheranno il vostro orizzonte musicale.

A differenza di Youtube, TED è , parole loro, un’organizzazione no-profit dedicata alla diffusione di idee, di solito sotto forma di brevi colloqui potenti (18 minuti o meno).

Progetto che ha visto la luce nel 1984 sottoforma di conferenza, una sorta di think thank che nei nostri anni 2000 vanno tanto di moda.

Un precursore, insomma. La forza di esser divenuto poi un pensatoio digitale rende la possibilità di condividere idee dalle comunità di tutto il mondo.  Divenendo una comunità globale.

Soprattutto un esempio etico : l’organizzazione si regge sui ricavi dalle partecipazioni alle conferenze, le sponsorizzazioni, le vendite di libri e diritti, e li investe in sviluppo grafico e hosting.

Oltre che al sostegno alle iniziative della comunità e agli stipendi del personale interno.

Nelle intenzioni, raccontano da Ted, c’è  la volontà di “costruire uno spazio di libera conoscenza dei pensatori più ispirati al mondo”.

 

  • Blip.tv  non ha sicuramente ottenuto il successo di YouTube pur avendo la stessa anzianità.

Il sito si è specializzato sul cinema indipendente e cataloga oltre 48.000 video, caricati appunto da produttori indipendenti.

Si tratta di un ottimo sito per chi vuole cercare delle alternative che consentano di andare oltre i soliti standard commerciali e, in effetti, possiamo dire che il cinema indipendente deve un poco della sua sopravvivenza a Blip.tv.

Fondato nel 2009 l’idea alla base era un motore di ricerca di contenuti collaborativi, oggi continua a innovare con la produzione di serie originali anche grazie alla specifica “incubazione” di contenuti realizzati da talenti pescati on line, dei quali vengono promosse le idee originali.

Miliardi di viste ogni mese in tutto il mondo,  Maker Studios è una divisione di Disney Consumer Products e Interactive Media,

Partito da una visione fra un gruppo di amici, ora è un business globale  che, come recita il sito stesso, ha migliaia di creatori, milioni di abbonati, e miliardi di fan, in tutto il mondo.

 

Troveremo davvero di tutto : per chi fosse alla ricerca non solo di prodotti fuori dagli schemi commerciali ma veramente dell’introvabile, ecco che

Come avrete capito dall’uso della parola “aggregatore” non ci troviamo di fronte a un sito alternativo a YouTube standard, ovvero su WwiTV non andremo a caricare video ma potremo solamente sfogliare video, che sono caricati su risorse esterne.

Si tratta comunque del posto giusto dove trascorrere qualche ora spensierata.

 

  • Blinkx  si può utilizzare per sfogliare video come YouTube oppure come WwiTV.

E’ l’ultimo sito della nostra classifica non è una vera e propria alternativa a YouTube.

Si tratta di un motore di ricerca per filmati, da molti ritenuto addirittura migliore – nello specifico segmento video – del motore di ricerca Google.

Vi basterà fare una prova, introducendo una parola chiave, per scoprire come funziona e quanto potente sia.

 

Una risposta

  1. Antonio ha detto:

    Grazie. L’articolo mi è stato utile.
    Leo Antonio