Le migliori alternative a Spotify, siti per ascoltare musica in streaming

Le migliori alternative a Spotify, siti per ascoltare musica in streamingTra tutti i programmi che consentono di ascoltare musica su internet Spotify è il più conosciuto essendo uno dei pionieri nell’ambito della musica on demand. Come molti sapranno si tratta di un sito internet che consente l’accesso a un immenso catalogo musicale, con milioni e milioni di tracce audio in alta definizione.

Le migliori app per ascoltare musica in streaming gratis

Tuttavia l’utilizzo di spotify è gratuito solamente per i primi 6 mesi, trascorsi i quali si ha a disposizione un tempo medio di uso gratis di circa 20 minuti al giorno, ovvero 10 ore di musica al mese.

In parole povere 4 o 5 brani al giorno. Ovviamente se si decide di passare ad un abbonamento Premium questi limiti vengono rimossi.

Proprio l’esistenza di questi limiti, però, ha generato la domanda di alternative a Spotify, ovvero servizi online che forniscano la possibilità di ascoltare musica in modalità streaming.

Con limiti differenti o addirittura senza limiti.

Abbiamo quindi raccolto i principali concorrenti di Spotify, ovvero siti internet simili a Spotify dove potremo ascoltare musica gratis.

Napster è un marchio passato alla storia.

Tutti lo ricordano per essere stato tra i primissimi siti a consentire il download di brani musicali anche se non tutelando il diritto d’autore. Per questo finito in guai giudiziari e da tempo è stato rilanciato. Grazie alla nuova piattaforma di cui dispone consente di accedere a un catalogo online di oltre 20 milioni di tracce musicali.

L’impostazione peró non è differente da Spotify : si ha a disposizione un periodo di prova gratuita con accesso illimitato di 30 giorni, che consente l’ascolto di qualsiasi brano del catalogo sia online che offline.

Trascorso il periodo prova si deve sottoscrivere un abbonamento mensile di 9,95 euro al mese.

Estremamente interessante il fatto che, oltre le classiche app per smartphone e tablet, sia Android che iOS, consenta anche l’integrazone con sistemi Hi-Fi e applicazioni per automobili.

Possiamo ottenere maggiori informazioni su Napster qui: http://it.napster.com/start

Differente invece è la prospettiva di MySpace Music.

In questo caso ci troviamo difronte a una rete sociale il cui obbiettivo è proprio la condivisione di brani musicali. In questo caso il catalogo è immenso, oltre 42 milioni di tracce audo, tra le quali troveremo di tutto, dagli artisti famosi a quelli emergenti.

È senza dubbio una soluzione perfetta per tutti coloro che amano davvero la musica e che sono interessati non solo ad ascoltare i propri artisti preferiti ma anche a scoprire nuovi interpreti, nuove sonorità e nuovi brani musicali.

Per chi invece la vede solo come una alternativa a Spotify magari risulta un poco limitata poichè dei 42 milioni di brani musicali circa 30 milioni sono di artisti emergenti e i rimanenti 12 milioni non è detto siano in alta definizione.

Possiamo scoprire MySpace Music qui: https://myspace.com/

Google Play Music offre un proprio servizio di streaming musicale.

Anche Google ha fiutato il business della musica online e con Google Paly Music si divide in due sezioni : una web radio personalizzata e una dedicata allo streaming musicale on demand.

La prima è completamente gratuita ma obbliga anche all’ascolto di annunci pubblicitari mentre la seconda è ad abbonamento e priva di pubblicità. Inoltre si possono memorizzare fino a 20.000 brani musicali ed ascoltare la musica anche offline.

Possiamo provare Google Play Music qui: https://play.google.com/music/listen

Deezer presenta un catalogo più vasto di Spotify.

E’ possibile utilizzare il servizio in prova gratuita per 30 giorni, trascorsi i quali si dovrà sottoscrivere un abbonamento con diverse opzioni. La prima scaletta rimane 9,99 euro al mese per ascolto illimitato e senza pubblicità.

Mentre con l’account “family” si possono abilitare fino a 6 utenti di famiglia, con ascolto gratuito e illimitato, al costo di 14,99 euro al mese.

È possibile accedere a Deezer da qui: http://www.deezer.com/it/

Infine non dimentichiamo Youtube che il più grande sito di video al mondo.

E’ anche un sito di musica on demand, che può essere un valido sostituto Spotify.

In particolare, se vogliamo scoprire una nuova faccia di YouTube, possiamo utilizzare l’app che permette di sfogliare le librerie musicali come se fossero playlists.

Una volta inserito l’autore, apparirà la discografia completa presente sul sito.

Possiamo provare YouTube qui: http://www.youtube.com

 

Condividi il contenuto su...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com