A neanche due anni dalla nascita chiude posta elettronica su Facebook

A neanche due anni dalla nascita chiude posta elettronica su FacebookNata per contrastare il predominio i Google sulla messaggistica email la posta elettronica su Facebook si accinge a  chiudere: vediamo le ragioni del flop.

Facebook chiuderà il servizio Mail entro Marzo

Una notizia che non dovrebbe lasciare eccessivamente sorpresi, visti i recenti sviluppi dell’integrazione della piattaforma di messaggistica WhatsApp con uno dei maggiori social network al mondo.

Facebook Mail, l’amato-detestato servizio di associazione di un indirizzo mail personale al proprio account, chiuderà molto probabilmente i battenti entro primavera, precisamente in Marzo.

Le ragioni a supporto di tale scelta risiedono nel fatto della scarsa utilizzabilità del servizio, che in origine prevedeva la creazione di un account mail ad hoc attraverso il quale ricevere la propria corrispondenza, inviandola da un comune client di posta elettronica e ricevendola sul proprio profilo, bypassando così la necessità di trovarsi loggati su Facebook per inviare il messaggio prescelto.

Assieme agli update via mail, Facebook non ha riposto eccessiva fiducia su questo metodo di comunicazione: a quanto pare, la maggioranza degli utenti predilige essere presente sul network, piuttosto che interagirvi da “remoto”.

Al di là delle notevoli falle in tema di privacy, che permettevano a chiunque di inviare agli utenti spam o messaggistica indesiderata, semplicemente conoscendo parte del proprio URL, tipicamente “nomeutente@facebook.com”.

Con alcuni passi è sempre stato possibile modificare il nuovo indirizzo assegnato di default in quello personale, originario e plausibilmente nascosto, tuttavia numerosi utenti hanno preferito -per negligenza- non modificarlo, esponendosi a notevoli minacce.

Il servizio, nato in origine per contrastare il predominio di “Big G” sulla messaggistica e sulle chat, dopo la dipartita di MSN, giunge così alla sua naturale conclusione dopo un paio di anni di recente attività, sicuramente non suscitando particolare protesta da parte degli utenti.

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Potrebbero interessarti anche...