Partizionare l’hard disk con AOMEI Partition Assistant

partition assistant

Il perfetto assistente virtuale al partizionamento delle nostre unità hard disk è arrivato: il suo nome è Partition Assistant, ed è in grado di occuparsi di creare, ridimensionare, suddividere e cancellare le partizioni create sul nostro sistema con grande agevolezza. Scopriamo questo freeware di Aomei Technology.

Nato per sfruttare al meglio l’allocazione delle partizioni già esistenti su disco fisso, nonché agevolare la loro gestione, Partition Assistant è un tool in grado di permetterci l’impostazione più desiderata dei compartimenti virtuali in cui il nostro HDD è suddiviso, nel caso in cui desiderassimo servircene per installare più sistemi operativi o motivi analoghi. Partition Assistant è inoltre un’utility complementare alla migrazione dei dati, specialmente su dischi SSD: nonostante la loro capienza ridotta rispetto ad un classico hard disk, sarà possibile trasferire informazioni anche su unità di storage di spazio inferiore rispetto alla trasferente, purché in grado di accogliere tutti i dati.

La versione attualmente disponibile è in grado di supportare il boot UEFI ed inoltre l’allineamento al disco SSD o HDD, convertendo inoltre dal formato FAT32 a NTFS senza alcun problema. Il tutto permetterà di creare anche un disco di boot fondato su Windows Preinstallation Environment, ambiente in grado di installare copie preliminari sia di massa che su scala ridotta dei sistemi operativi più consistenti quali Vista, Windows 7 e Server. 

Partition Assistant è infine dotato di comandi e wizard essenziali che ci permetteranno, oltre a partizionare, il wiping o il trasferimento dell’OS in pochi minuti. Non mancano le unità di estensione e di recovery delle partizioni, assieme alle utility per fixare l’ormai annoso problema “low disk space”. Il software è adatto alle ultime release degli OS Windows (8 ed 8.1 a 32 e 64 bit) così come quelle più datate, ma ugualmente apprezzate (Vista, Windows XP), garantendo un ottimo funzionamento all’utente che desiderasse sperimentare con le partizioni.

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Potrebbero interessarti anche...