Le batterie al fluoruro sono il futuro degli smartphone?

Lo sappiamo bene, da decenni si parla di materiali differenti applicabili alle batterie e alla loro migliore gestione nell’ambiente degli smartphone ma non solo.

Si sa che in un’era dove l’elettrificazione di ogni dispositivo è ormai pane quotidiano, la batteria diventa il soggetto principale.

Si era parlato tanto del grafene, un materiale quasi miracoloso, perfetto per le batterie e ideale per prodotti stratificati. Oggi però pare questo materiale sia caduto nell’oblio e si parla di un altro prodotto: il fluoruro.

I risultati più incoraggianti sono arrivati dal Jet Propulsion Laboratory della California.

Durante una ricerca per conto della NASA si è compreso che proprio grazie al fluoruro si possono realizzare componenti per gli smartphone ad elevate prestazioni.

Soprattutto in termini di durata che risulterebbero otto volte superiori a quelli relativi agli standard attuali.

Proprio le batterie al fluoruro sarebbero in grado di “donare” ai nostri smartphone fino a due settimane di autonomia.

La ricerca citata ha messo a punto una batteria al fluoruro funzionante in grado di spostare atomi di fluoruro, negativi, invece dei canonici ioni di litio positivi.

Tutti vorremmo quindi applicare questa tecnologia ai nostri smartphone.

Cosa che semplice certamente non è : il fluoruro presenta dei limiti.

Si tratta infatti di un elemento altamente reattivo e corrosivo. Per questi motivi, quindi, particolarmente difficile da trattare e mettere a punto correttamente.

Già negli anni ’70 il fluoruro aveva cominciato ad essere utilizzato ma la sua stabilizzazione, in unione con elementi solidi, poteva avvenire soltanto ad alte temperature.

Un primo passo avanti oggi però si registra visto che l’istituto californiano ha messo a punto una batteria al fluoruro che funziona a temperatura ambiente.

È sicuro che ci vorrà del tempo per vedere le prime batterie che adotteranno questa tecnologia, ma il passo ormai sembra essere stato fatto nella direzione corretta.

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Potrebbero interessarti anche...