App per gestire le carte fedeltà : Payback

Avete mai avuto fra le mani una carta fedeltà? Sicuramente sì, e probabilmente ne avete di numerose.

Diverse catene l’hanno creata, sicuramente fra le più grandi, ma anche quelle più piccole non rinunciano alle iniziative di fidelizzazione del clienti.

Inizialmente rese famose in Italia soprattutto fra le pompe di benzina, queste carte hanno sempre avuto vari modi per comunicare: a volte erano provviste di chip, altre volte erano semplicemente dotate d’un codice a barre.

L’evoluzione e lo sviluppo ha richiesto qualche anno, e nell’era del digital la trasformazione ha comportato anche la possibilità di usufruirne attraverso un’ App.

Non si tratta però di decine di programmi da scaricare, a differenza delle carte “tradizionali” che ragionando in modo “analogico” ci riempiono il portafoglio.

E’ sufficiente scaricare una sola App.

Con Payback si ottiene accesso ad una carta fedeltà universale.

Questo metodo racchiude tante carte, d’ogni marca e tipo, dai supermercati alle classiche pompe di benzina. Ma non solo :

  • Alitalia
  • American Express
  • American Express Viaggi
  • BNL
  • Carrefour
  • Carrefour Banca
  • Cinecittà World
  • Esso
  • Giordano Vini
  • Le insegne di ottica di GrandVision
  • Hello bank!
  • Hertz
  • Linear
  • Mondadori
  • Mediaset Premium
  • Seri Shopping
  • Sorgenia
  • la rete SuperService e Thrifty.

E’ inoltre possibile raccogliere punti fedeltà grazie agli acquisti in più di 70 siti di e-commerce:

  • e-Bay
  • Booking.com
  • Groupon
  • eDreams
  • e tanti altri.

Payback è un’applicazione per iOS ed Android, disponibile al download gratuito attraverso l’App Store di Apple ed il Play Store di Google.

Il concetto quindi è quello di una “unica carta fedeltà”, su cui accumulare tanti punti grazie agli acquisti effettuati su molteplici punti vendita e on line.

Non è necessario comunicare direttamente con la catena che distribuisce i punti, potete utilizzarli sul negozio di preferenza, e in ogni momento.

Il sistema sul quale si basa Payback non è comunque perfetto.

Buono per i piccoli acquisti continuati, ma per i grossi acquisti può tendere a bloccare l’accredito dei punti in modo automatico, come contromisura di sicurezza. Per questo si deve sempre intervenire contattando l’assistenza.

Sul catalogo sono presenti un sacco di prodotti di vari marketplace, ma molti richiedono comunque un contributo in denaro. E in fondo sono operazioni che siamo già abituati a fare con la moltitudine dei cataloghi presenti in altre catene.

L’idea di Payback può essere una buona soluzione che tenda ad unificare tutti i servizi di carte fedeltà che, giusto ricordarlo, in Italia riscuotono ancora un notevole successo ed una leva di fidelizzazione molto importante.

Però il fatto che non tutti i programmi fedeltà siano ancora perfettamente compatibili con questo sistema, lo limita. In molti supermercati, specialmente quelli equipaggiati con vecchi sistemi o con personale non ben istruito, i problemi possono creare attese fastidiose.

Se desiderate sapere qualcosa di più su Payback, visitate pure il sito interessato.

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Potrebbero interessarti anche...