Google Maps e le guide locali : App e Community

Google Maps è senza dubbio fra i navigatori più usati al mondo , certamente il più usato fra quelli installati sugli smartphone.

Molte le funzionalità che si sono succedute nel tempo con i diversi aggiornamenti.

Ad esempio la community : stiamo parlando di un servizio che in fin dei conti sta crescendo tanto,  e che con questa funzionalità ha quella marcia in più, permettendo di scrivere recensioni del locale dove siamo stati : bar,  ristoranti, discoteche, ecc.

Ma andiamo con ordine e partiamo dall’uso di base : come funziona Google Maps?

Iniziamo col dire che per utilizzare questa app è necessaria una connessione a internet : non funziona off line, ed è così che garantisce informazioni sempre aggiornate, fra indicazioni stradali, sul traffico e sul trasporto pubblico.

Il primo accesso all’App richiede innanzitutto la posizione ricavata da segnale GPS , funzione ormai integrata in tutti gli smartphone.

In questa fase il valore aggiunto di Google Maps sfrutta le informazioni ricevute dalle connessioni Wi-Fi limitrofe, così da affinare la localizzazione dello smartphone.

Il menù in alto a sinistra permette di accedere a :

  • “Traffico” : le informazioni di viabilità principali
  • “Trasporto pubblico” : per sapere le linee disponibili in città.
  • “In bicicletta” : il supporto per le piste ciclabili con tutti i percorsi sicuri per le due ruote.
  • “Satellite” : la visione che si affianca a Street view.
  • “Esplora i dintorni” : utile per conoscere nuovi luoghi, ristoranti, pub…

L’uso del navigatore Google Maps è intuitivo.

Basta indicare il punto di partenza e il punto di arrivo, quindi specificare il mezzo (in auto, in bici, a piedi, ecc).

Il primo risultato sarà la strada migliore e più veloce, ma saranno proposte anche diverse alternative, sempre con le relative informazioni su intensità di traffico e tempi previsti all’arrivo.

Scelto il percorso da affrontare la voce ci supporterà lungo la strada, ma è previsto l’eventuale ricalcolo automatico se si sbagliasse la direzione.

Google Maps

Torniamo da dove siamo partiti : la community.

Semplicissima da utilizzare e ispirato a programmi già in circolazione, da Yelp!  a Trip Advisor.

In questo caso stiamo parlando di un servizio che bisognerà ovviamente attivare,  potete farlo velocemente cliccando su questo link.

L’importante è che chi utilizza questo servizio e di conseguenza la persona che ha l’account Google di proprietà, abbia almeno 18 anni, unica restrizione da parte di Google.

Una volta attivato il servizio e messo il nome della nostra città possiamo iniziare a scrivere le nostre recensioni in una pagina che somiglia molto a quella di un social: stiamo parlando di una pagina  semplice e intuitiva da utilizzare.

Questa funzione si raggiunge sempre dal menù in alto sinistra, sul tab “i tuoi contributi”.

Google Maps rimane fra le Apps più utilizzate.

Appare chiaro a tutti quanto necessiti di essere curata e aggiornata nei contenuti ogni singolo giorno. Vi aggiorniamo ora su quanto c’è di nuovo nelle ultime versioni.

  • Un calcolo accurato dei limiti di velocità.

Una funzione che sta per essere introdotta progressivamente nelle varie zone del mondo è il calcolo del limite di velocità e la segnalazione della presenza di Autovelox in zona. In Italia è già presente in buona parte: ci dice il limite della velocità ufficiale e ci consiglia di non superarlo.

Questo calcolo però è anche frutto di altri fattori, come la condizione del traffico e del tempo meteo. Quindi se piove, ad esempio, il limite di velocità sarà più basso.

  • Un calcolo della presenza di posti sul Bus, treno e metro.

Questo calcolo è derivante dalla stessa funzione che ci dice se un particolare luogo o evento è affollato (ad esempio i centri commerciali).

In base alle informazioni a disposizione, Google Maps ci può dire se il Bus ha troppa gente al suo interno o se sono ancora disponibili biglietti per il treno. Chiaramente sono stime, e come tali bisogna prenderle.

Può anche predire se un particolare mezzo verrà riempito di gente, controllando quanti utenti sono in attesa alla fermata e quante volte questo è abitualmente affollato. Utile per chi viaggia spesso!

  • Ricevi indicazioni in Realtà Aumentata.

Una delle ultime novità che sono piaciute parecchio è la presenza della modalità AR in Google Maps. Per chi non conosce l’AR, si tratta d’una funzione che applica oggetti virtuali su una ripresa reale. Un ottimo esempio è Pokémon GO.

La funzione AR perciò sfrutta la nostra fotocamera per indicarci con maggior precisione dove dobbiamo andare, ponendo delle frecce o altri oggetti 3D sulla ripresa.

  • Integrazione con altri servizi.

Prendendo alcune idee da Android Auto, Google Maps sta cominciando ad implementare altre apps all’interno delle sue funzioni. Può infatti sfruttare le attività – ad esempio – di Spotify per suonare un po’ di musica mentre seguiamo le indicazioni sulla mappa.

Maps naturalmente gestirà dinamicamente il volume in base alle nostre impostazioni e l’app usata di sottofondo. Al momento la maggior parte delle funzioni integrate sono poche: Play Musica e Spotify sono le principali. Ma è chiaro che a tendere verranno aggiunte più opzioni.

  • Comando dinamico con l’Assistente di Google.

Questa è un’altra funzione che molti utenti apprezzano, soprattutto se  combinata con Android Auto.

Ora presente anche in Google Maps come integrazione nativa. E’ possibile gestire la maggior parte del software semplicemente con la propria voce, senza aver bisogno di avere l’Assistente già attivo in background come secondo servizio.

Entrambi, Assistente di Google + Google Maps, funzionano come una cosa sola.

  • Ristoranti e piatti famosi della zona.

Una funzione nuova nuova che Google Maps ha integrato negli ultimi giorni è la possibilità di controllare i piatti più apprezzati in zona…e non solo. Anche di controllare il menù se è disponibile on line.

Tutto insieme alla già presente funzione di controllare i migliori ristoranti attorno a noi.

Così ora potremo cercare il nostro piatto preferito in qualsiasi parte del mondo.

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Potrebbero interessarti anche...