Verificare intrusioni alla rete domestica e alle connessioni

E se qualcuno stesse utilizzando la vostra connessione a internet, a vostra insaputa?

Non arriverete a chiamare la polizia postale per denunciarlo, però potete bloccarlo.

Prima però dovete testare la vostra rete con alcuni tool se volete scovare i ladri di byte.
O i malintenzionati a caccia di dati e codici.

Il primo tool di cui vi parliamo è Nmap.

Per gli esperti del settore è considerato come una “leggenda”. Chi di voi ha visto Matrix 2 e Die Hard 4, avrà sicuramente notato che è stato utilizzato come strumento di hacking. Aprendo l’interfaccia grafica potreste fare la tipica espressione dei manga giapponesi con goccia perplessa inclusa, tuttavia scoprirete che è facilissimo da utilizzare (leggete la guida in italiano).

Dopo la scansione dei client connessi si possono ricavare indirizzi IP, indirizzi MAC, firewall, e persino i sistemi operativi utilizzati. Come sempre vi lasciamo il link per il download.

Un tool meno conosciuto ma che ci ha dato molte soddisfazioni è Nessus.

Tutte le vulnerabilità non hanno più segreti e anche le porte facilmente accessibili potranno essere messe in sicurezza per evitare che qualcuno si intrufoli al suo interno e possa frugare tra i nostri file.

E’ utilizzato soprattutto dalle aziende (meno dai privati) nella versione a pagamento da circa 1800 euro all’anno. Noi di MondoTecno però vi segnaliamo dove scaricarlo gratis.

Anche Cain and Abel offre ottime funzionalità.

Un nome che è tutto un programma, nel vero senso della parola. Il tool era stato lanciato per recuperare le password di Windows, ma può monitorare il traffico della rete LAN e Wi-Fi oppure può captare le password di alcuni servizi (anche se sono cifrate).

Cain and Abel registra le conversazioni Skype e può essere interrogato sulla efficacia delle password scelte per il router con la simulazione si un attacco.
Prima di scaricarlo leggete la guida.

zANTI a differenza degli altri si attiva sui dispositivi mobili Android.

Basta un tap per indagare sulle porte del device aperte, sugli attacchi in corso sul DNS e su tutti quelli che stanno cercando di infiltrarsi nella rete. E’ molto utile per i controlli al volo ma il nostro test non ha evidenziato caratteristiche migliori rispetto agli altri tool di cui vi abbiamo parlato.

Il nostro consiglio è di scaricarlo e di utilizzarlo subito, anche senza leggere la guida.