Come condividere e inviare file pesanti: gratis grazie a Google Drive

Come inviare file pesanti e come condividere file online gratis

Condividere file online con i tuoi conoscenti, oppure persone collocate all’altro capo del mondo, con cui stiamo realizzando tramite Web progetti di natura scritta o multimediale, rende possibile emulare un ambiente virtuale del tutto simile a quello delle classiche suite di videoscrittura…

Ottimizzate con funzionalità inedite ed appositamente studiate per il social; rilevando l’utente anche dal compito di dover ricercare un servizio e-mail in grado di gestire allegati di eccessive dimensioni.

Guida alla condivisione di file di grandi dimensioni.

Gmail, di Google, ha posto un limite significativamente più alto, assieme ad Hotmail ed Alice, rispetto ad altri servizi di posta, ad esempio. Ciononostante, oltre i canonici 25 MB non è possibile sfruttare allegati.

Risulta così necessario rivolgersi all’infrastruttura cloud, che consentirà di ospitare i nostri file su una struttura hard drive virtualizzata, rendendoci al contempo l’utile servizio di effettuare una copia di backup dei file che magari disponiamo in locale.

Il concetto di cloud vede le proprie reminiscenze da quello di hosting.

Da sempre i fornitori di contenuti Web ed i provider hanno messo a disposizione degli utenti spazi per l’upload dei propri siti.

L’approccio tramite file rimane pressoché identico, e si differenzia nei soli contenuti.

L’insieme di server che ospita i file, infatti, è accessibile tramite una remote application, in grado di soddisfare le richieste dell’utente senza l’utilizzo degli antichi client FTP, ed ovviamente tramite un’interfaccia Web molto più user-friendly, spesso anche con piccoli client formato software installati in locale.

I principali servizi in grado di ospitare file di qualsiasi tipo, per l’operatività in Rete oppure come backup, sono Google Drive, Dropbox, OneDrive; per citare i pesi massimi di categoria.

In ognuno di essi, dopo aver effettuato l’upload dei nostri file, potremo richiedere tramite l’interfaccia il link per il download degli oggetti multimediali in questione.

Sarà possibile specificare, tramite menu a tendina, se si desidera ritenere tale elemento come pubblico oppure privato. Nel caso in cui si volesse inviare il contenuto del link ad un conoscente, è sufficiente incollarlo nel proprio messaggio di posta ed inviarlo come di consueto.

Il ricevente otterrà il link e potrà scaricarlo in sede separata, semplicemente cliccando sull’ipertesto ricevuto. Al momento attuale, Google Drive è il servizio cloud che fornisce maggiore affidabilità nonché velocità di download conclamata.

Google Drive può ospitare fino a 15 GB per tutti gli account gratuiti.

Il limite è condiviso con ogni servizio Google: perciò, occorrerà svuotare quando opportuno i file dedicati ai servizi che più non interessano, al fine di ripristinare spazio utile.

La condivisione è immediata e può avvenire con la semplice selezione del pulsante Condividi. A quel punto sarà possibile specificare un elenco di riceventi che potranno avere accesso al file ed alle relative modifiche.

Recentemente è inoltre avvenuta l’unificazione degli allegati Gmail al corpo principale della struttura di Drive: ciò significa che eventuali file multimediali oppure aggiuntivi saranno reperibili per la visualizzazione comodamente dall’interfaccia di questo prezioso hard disk virtuale.


Leggi anche :

Cos’è GSuite, l’ecosistema di Google per le aziende

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print