Fenomeno Influencer : chi sono, cosa fanno – la classifica

Torniamo sull’argomento, è necessario.  Possiamo infatti affermare che nel 2020 gli – e le – influencer, sono figure sempre più visibili e apprezzate.

Partiamo dal significato : influencer è quell’utente che diventa personaggio, attivo su uno o più social network. Grazie alla sua posizione rilevante (su YouTube, su Twitter, su Facebook, etc) e grazie al seguito di moltissimi fans, riesce ad influenzare le scelte delle persone che lo seguono (e di conseguenza le mode) .

Attraverso dettami, must, consigli, video, foto… e quant’altro. Talvolta coinvolgendo anche la propria vita privata, come in una sorta di Truman Show ampiamente previsto anni fa, dal film di Peter Weir.

Immaginiamo solo per un secondo che io sia un influencer.

Avrò un account su Instagram – per esempio – e avrò pubblicato molte foto e molti video. Parecchi sono gli utenti che osserveranno il mio profilo, fino a che godrò di “autorità” sufficiente per fare tendenza e influenzare le scelte, poco o tanto.

Poi starà a me: più trasmetterò sincerità e onestà nell’impartire loro dei consigli di qualsiasi tipo, più sarò apprezzato e taggato (voce del verbo taggare : contrassegnare con un tag /  Firmare un graffito con la propria sigla).

Nel linguaggio inglese “tag” sta per “etichetta, cartellino”.  Sui social (e nel quotidiano) il termine “tag” ha acquisito un significato nuovo, simile a quel che in Italia definiremmo “identificare”.

Altro esempio : se fossi un influencer attivo nel mondo della moda…

E’ probabile che possa infondere nei miei seguaci il desiderio di acquistare capi firmati, o accessori firmati, semplicemente pubblicando video, foto, post.

Avendo molti seguaci – in gergo followers – riuscirei, attraverso la pubblicazione di post, immagini, video e foto, ad influenzare le loro scelte commerciali, pilotando inconsciamente il desiderio di acquisto, o di azione.

Per diventare influencer a tutti gli effetti sono necessari svariati requisiti, tra i quali:

  • Avere molti followers sui Social Network (e conquistarne tanti non è così facile).
  • Pubblicare costantemente contenuti interessanti, virali, di facile interazione.

Rappresentando interesse verso qualsiasi azienda, questa – successivamente alla creazione del profilo su di un qualunque social e dopo aver verificato la nostra autorevolezza nel settore – ci potrà contattare per proporci di pubblicizzare i loro prodotti, le loro azioni o i loro oggetti.

Con introiti adeguati alla visibilità del testimonial (io, l’influencer).

Vediamo la classifica dei 10 maggiori influencer in Italia.

1 – Chiara Ferragni

2 – Fedez

3 – Gianluca Vacchi

4 – Benedetta Rossi

5 – Diletta Leotta

6 – Gli Autogol

7 – Paola Murani

8 – ClioMakeUp

9 – Velentina Ferragni

10 – Alice Pagani

Ciò che colpisce maggiormente, guardando questa classifica, è l’elevato numero di followers che possiedono tutti questi Influencer sulle maggiori piattaforme Social (Facebook, Twitter, YouTube e Instagram).

Si parte da Chiara Ferragni che (piaccia o non piaccia, simpatica o meno) rappresenta ormai un fenomeno internazionale : 74 milioni di follower. Il gradino successivo rimane in famiglia : il rapper e produttore musicale (e influencer…) Fedez, staccatissimo dalla compagna : 19,5 milioni.

Gianluca Vacchi vanta circa 9 milioni di seguaci, mentre la semplicità di Benedetta Rossi (anni luce lontana da Vacchi) ha scalato velocemente le simpatie degli italiani, grazie ai video delle sue ricette, arrivando a che ha circa 8 milioni di followers.  Ma con un record tutto suo: 157,7 milioni di visualizzazioni (!!!) per i suoi video (su Youtube e Facebook).

Segue Diletta Leotta, popolare in tv e sui social : 8,2 milioni di seguaci.

Sperando che il vostro sogno non sia precisamente quello di diventare un Influencer.

Nella vita ci possono essere scopi e obiettivi più “alti”.  E comunque influencer ci si diventa se si ha qualcosa da raccontare. O uno stile che faccia scuola per altri.

Anche se superficiale e criticabile come spesso accade, anche fra i personaggi in classifica.

Però va detto che un influencer, a seconda del numero di seguaci che ha conquistato, può seriamente farne una professione.

Questo interessante articolo del Corriere racconta della professione e di quanto può essere retribuita : un professionista infatti può esser parte di sponsorizzazioni e guadagnare molto bene.

Una nuova professione digitale che il mercato sta coinvolgendo frequentemente e con interesse. Per puntare ai propri consumatori tipo.

Fecendo branding in modo alternativo, e del tutto attuale.


 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print