Nokia : che fine ha fatto il gigante dell’elettronica

Sembra ieri che Nokia rappresentava il sinonimo di “telefono cellulare” ed era impossibile incontrare qualcuno sprovvisto del mitico 3310. Si parla del decennio a cavallo tra la fine degli anni ’90 e i primi anni 2000, fino a quando l’avvento dell’iPhone ha stravolto l’intero mondo mobile.

A quei tempi, le qualità principali di un telefono non erano lo schermo e la connettività, bensì l’affidabilità e la durata delle batterie. Internet stava muovendo i primi passi nel mondo della telefonia ed era già un lusso avere un display sopra i 2 pollici completamente a colori.

Il passato che (NON) ritorna.

Nokia, come Motorola, fu abile a cogliere l’attimo offrendo i modelli che più erano richiesti in quel periodo e creando anche innovazione con alcune sue idee.

Ad esempio il mitico Snake, che possiamo considerare il primo vero videogioco per cellulari.

Sfruttando al massimo il sistema operativo Symbian, arrivò a tentare la via delle console portatili con il modello N-Gage, subito affossato dal ben più popolare Game Boy.

Nokia, insomma, sembrava non porsi limiti nelle sue ambizioni ma lo stesso fallimento dell’N-Gage fu un primo campanello d’allarme.

Nokia oggi: la casa dei dumb phone?

Dopo svariati problemi finanziari e collaborazioni di dubbia efficacia (vedere al capitolo Microsoft) Nokia è ancora in attività nel mondo cellulare con una strategia molto differente.

Non mira più al cuore del mercato, ma alle fasce di nicchia come i telefoni a flip o tradizionali a tastiera. E infatti i modelli 2720 e 800 si rifanno ai cellulari classici, puntando sull’affidabilità e sui prezzi contenuti.

Una strategia comprensibile in quanto meno rischiosa, visto l’affollamento (per non dire saturazione) del mercato smartphone e la costante concorrenza in arrivo dalla Cina.

Come per Motorola, oggi sottomarchio Lenovo, rimane una certa nostalgia nel vedere questo nome confinato a una nicchia di utenza (e spesso assente dalle vetrine).

Ma la tecnologia ci insegna che il tempo scorre veloce e non aspetta nessuno, men che meno chi ha perso il treno degli smartphone dieci anni fa.

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Potrebbero interessarti anche...