Gli smartphone con le migliori fotocamere

Partiamo da una riflessione : gli smartphone ci hanno resi tutti un po’ fotografi, penso che nessuno possa metterlo in dubbio.

Da quando il comporto fotografico ha iniziato ad assumere un’importanza cruciale nei componenti anche dei più comuni device, tutti abbiamo lo scatto facile.

Nel tempo sono stati commercializzati Smartphone con lenti ottiche Leica o con anche più obiettivi con cui scattare foto sempre più dettagliate, per poi poterle modificare con effetti specifici attraverso un universo di App a nostra disposizione.

La battaglia allo scatto con la risoluzione più alta è iniziata anni fa.

L’accesa competizione dei costruttori a tal riguardo non è ancora cessata, un campo molto aperto che attribuirà poi un metro di giudizio fondamentale per uno smartphone.

Di seguito facciamo un resoconto dei migliori Smartphone che ci aspettano, sotto questo aspetto, per questo periodo dell’anno.

Samsung Galaxy S21 Ultra

Ecco perciò il non-plus-ultra di questa categoria. Il cavallo di battaglia della Samsung è davvero tutto quello che un utente fanatico di Smartphone può aspirare: 4 obiettivi da 108+10+10+12Mpx, tutti dedicati ad uno scopo specifico, ed elaborati finemente al volo grazie alla presenza d’un chipset Exynos 2100 con una memoria interna che va da 128Gb a 512Gb, con 8Gb di RAM e fino a 16Gb.

La memoria interna è basata su UFS 3.1.

Difficile dimenticare alcune opzioni come lo Space Zoom, che sfrutta una combinazione di zoom meccanici e digitali migliorati con raffinatezza.

Uno Smartphone eccezionale, con un display AMOLED 2X da 6.8 pollici che porta in dote una risoluzione di 1440×3200 pixels a 515ppi di densità.

Ogni frutto delle ricerche dei laborati Samsung ha fatto capolino in questo modello, compresa la batteria da 5000mAh che supporta una ricarica rapida da 25W.

Decisamente un device adeguato a chi non vuole farsi mancare nulla, con un costo che s’aggira sui 1000 euro.

Apple iPhone 12 Pro

Quando si parla di Smartphone non si può davvero evitare di parlare dell’iPhone.

Il nuobo 12 Pro mette a disposizione una quadrupla fotocamera da 12+12+12Mpx. Il quarto sensore è uno scanner LiDAR ad alta sensibilità per controllare la profondità degli scatti con assoluta precisione. Chiaramente poi Apple farà leva sulle funzioni per spingere all’uso di software e app esclusive. Le funzioni esclusive sono alimentate da un chipset A14 Bionic, al momento fra i più potenti del mondo.

Oltre all’esperienza di iOS, non si può ignorare la presenza dell’Apple ProRAW che permette di scattare foto con zero compressioni, pur avendo il vantaggio d’un ritocco passivo effettuato dall’intelligenza artificiale installata a bordo. Un effetto a dir poco devastante.

Il costo di 1100 euro non è molto distante dai migliori competitor di questa fascia di prezzo.

Huawei Mate 40 Pro

Un tempo (non molti anni fa, a dire il vero) il campione assoluto della fotografia negli smartphone, oggi Huawei appare un po’ appannata nella competizione.

Munito d’un triplo sensore da 50+12+20Mpx, questo Smartphone può ancora vantare lenti ottiche Leica a bordo, che aumentano discretamente la nitidezza degli scatti.

E’ inoltre uno dei primi ad usare la funzione a “Periscopio” per effettuare Zoom intensi e particolari. Ancora difficile da ignorare lo Zoom da 5x.

Grazie alla conformazione delle lenti, piuttosto unica, è possibile scattare foto in penombra con ben pochi problemi.

Huawei è stata messa in difficoltà dalla mancanza dei servizi e aggiornamenti di Google. Questo significa che molti dei vantaggi legati attualmente ad Android non sono presenti (anche se la casa stessa ha intenzione di far passare tutto ad HarmonyOS)  ma la composizione interna, con chipset Kirin 9000 e 128/256/512Gb di memoria interna (basati su UFS 3.1) con 8Gb di RAM, può ancora risultare molto utile all’elaborazione di foto e filmati.

Il costo di 1200 euro è quasi più una decisione di preferenza.

Una menzione finale la diamo al Google Pixel 5, un cellulare da 700-800 euro che tutto sommato se la cava ancora molto bene. Questo perché è stato fra i primi ad utilizzare l’intelligenza artificiale e componenti interni per dedicare il miglioramento passivo di ogni foto scattata. E’ munito d’un doppio sensore 12+16Mpx che purtroppo, inizia a mostrare qualche debolezza dovuta dal tempo. E’ comunque uno Smartphone affidabile, seppur dedicato ad una fascia più modesta.