TripAdvisor: come usarlo, consigli utili

Quando torniamo da una vacanza, la prima cosa che ci viene chiesta è quanto mai ovvia: “Allora, com’è andata?”.

In fondo, una descrizione del posto che si è visitato è sempre gradita: dagli alberghi ai servizi, dalla pulizia delle spiagge all’organizzazione dei luoghi di montagna, dai ristoranti ai pub, è sempre opportuno informarsi a dovere prima di decidere di recarsi in un determinato luogo.

TripAdvisor nacque proprio per facilitare questo meccanismo.

La piattaforma online è sorta per permettere a chiunque di fornire un’approfondita recensione sul web del luogo visitato, con tanto di giudizi (a seconda dei casi) positivi o sferzanti.

Da quando è nato, TripAdvisor ha avuto una crescita costante.

Tanto che già nel 2014 venne analizzato che la piattaforma aveva influito positivamente nella spesa di viaggio mondiale, con un aumento del 10%.

In sostanza, le persone venivano ‘stimolate’ a viaggiare o a recarsi verso quei posti dove i feedback positivi erano sopra la media. Insomma, un indotto non da poco.

Come funziona esattamente TripAdvisor ?

Per poter rilasciare una recensione non serve fare altro che registrarsi al sito.

Come? Basta utilizzare il proprio indirizzo e-mail, o crearne uno ad hoc : la piattaforma garantisce anche l’anonimato.

Proprio quest’ultima caratteristica permette a molti utenti di ‘distruggere’ un esercizio con una recensione devastante.Oppure mettere in buona luce un ristoratore “amico” che magari non merita affatto tutta questa considerazione.

Il fatto è che TripAdvisor non chiede nessuna prova di attendibilità su quanto viene sostenuto, ad esempio uno scontrino. Questo aspetto è sotto accusa da parte di operatori turistici e commerciali, e oggetto di critica da più parti.

Oltre a prestarsi a manipolazioni per concorrenza sleale o torti personali, che nulla hanno a che fare con l’impegno profuso nel lavoro di una struttura turistica o ristorativa. A differenza, per esempio, di The Fork, la cui applicazione permette di inserire una recensione a seguito di una prenotazione effettuata con l’applicazione stessa.

Tripadvisor e il lato negativo degli utenti “fake”.

Questa è l’altra faccia della medaglia : una ‘piaga’ che ha portato più volte a protestare le associazioni a difesa dei consumatori. Anche Federalberghi ha fatto pressione perchè vi fosse un successivo intervento delle autorità.

Uno dei casi più eclatanti riguarda un utente che , in viaggio all’isola di Ischia, ha pensato bene di lamentarsi delle camere d’albergo. Aggiungendo che per fortuna erano state distrutte dalla scossa di terremoto dello scorso 22 agosto (…).

Aldilà delle storture, se usato correttamente è uno strumento utilissimo per non dire eccellente.

TripAdvisor ha un sito web locale in ben 28 paesi.

Un lungo elenco che include : Austria, Australia, Brasile, Canada, Cina, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, India, Indonesia, Irlanda, Italia, Giappone, Messico, Olanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Russia, Serbia, Singapore, Spagna, Svezia, Thailandia, Turkia, Regno Unito e Stati Uniti.

Ed è proprio gli USA, UK e i principali paesi europei che TripAdvisor trova il suo utilizzo maggiore.

Ha il quartier generale a Needham, nel Massachusetts.

TripAdvisor e il “Business Listing”.

Questa forma di business permette agli hotel di inserire i contatti diretti (numero di telefono, indirizzo e-mail e link al sito ufficiale) all’interno del proprio profilo professionale.

Ovviamente pagando: si è passati dalle poche centinaia di euro del 2010 alle diverse migliaia di euro di oggi.

Se un hotel decidesse poi di sospendere per un anno l’iscrizione al profilo aziendale, per riattivarlo, si troverebbe a spendere all’incirca 50.000 dollari.

Bisogna capire se ne vale la pena: il Business Listing è uno strumento molto utile per attirare la clientela, ma solo se i costi di investimento vengono (almeno) ripagati.


Le aziende come possono usare Tripadvisor?

Ricordiamo nuovamente che utilizzare il mezzo alla stegua di uno strumento di pubblic relation è l’obiettivo numero uno.

Se è assodato che Tripadvisor dona visibilità ad albergatori e ristoratori, è necessario che questi rispondano in modo garbato e professionale ai commenti (se non a tutti, quasi) per dimostrare la reattività del servizio al cliente.

Sfruttare il portale è necessario, migliorando costantemente il posizionamento dell’attività.

Trovarsi in cima ai suggerimenti permette (chiaramente) di raggiungendo più clienti possibili, aspirando ad un maggior potenziali di prenotazioni.

Per migliorare il posizionamento è necessario rendersi popolari.

E’ un sfida che si può vincere con pochi e facili accorgimenti, a partire dal servizio al cliente.

Perchè le recensioni (e le stellette di merito/valutazione) sono gli elementi che influenzano il posizionamento su TripAdvisor. L’elemento determinante per avere visibili e soprattutto ritorni non è più il prezzo, ma proprio le recensioni.

Non bisogna trascurare che recensioni costanti, numerose e recenti (oltrechè positive!) hanno un impatto sul posizionamento su TripAdvisor

Individuare una figura precisa (e adatta!) che nell’attività curi l’account e le relazioni su Tripadvisor può certamente essere una soluzione. E per aiutare le imprese anche Tripadvisor mette a disposizione strumenti fisici (biglietti da visita, adesivi, ecc..). Ulteriori idee pratiche e utili.

Ristoratori e Albergatori : le basi !

1. La descrizione della tua attività è determinante.

Deve coinvolgere, fino al punto di esser l’elemento di scelta rispetto alla concorrenza.

2. Usare la mappa di TripAdvisor.

E’ altrettanto determinante. Spesso gli utenti fanno una scelta al momento, osservando le offerte nelle vicinanze.

3. Foto a video da sfruttare.

Come i social insegnano, il coinvolgimento visivo dona una spinta aggiuntiva. Fai in modo che descrivano delle esperienze da vivere.

4. Sfuttate le categorie.

Far parte di una determinata categoria (esempio: ristorante vegetariano) permette di essere rintracciati più facilmente da utenti interessati.

5. Tenere aggiornato il profilo.

L’account dell’attività dev’essere aggiornato e dare le info necessarie per i potenziali clienti.


Utenti e clienti come possono usare Tripadvisor?

Tripasvisor è uno strumento particolarmente valido per selezionare le attività più meritevoli di una visita, partendo dalle esperienze altrui. Non è la bibbia, e le recensioni vanno sempre soppesate, ma certo aiuta.

Bisogna inoltre tener presente che la gestione di un’attività può cambiare nel tempo. Per questo motivo le recensioni più recenti sono solitamente più affidabili. Le opinioni di utenti stranieri possono essere molto utili.

I clienti provenienti dall’estero hanno un punto di vista alternativo e sempre disinteressato.


 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print