Domotica : controllare casa con lo smartphone

Controllare e dare ordini a telecamere, irrigatori, elettrodomestici, tapparelle, caldaie e condizionatori. Siamo già nel futuro?

controllare casa con lo smartphoneTutto è sempre più smart, con l’installazione di dispositivi intelligenti anche le nostre case si stanno evolvendo.

Dalle lampadine connesse e colorate fino ai termostati, passando per speaker, citofoni e serrature.

La domotica è in forte espansione.

Indaghiamo sulle App più diffuse per l’uso della domotica, così da poter gestire casa nostra e i suoi dispositivi tramite smartphone, spesso anche quando non siamo a casa.

Google Home.

Non si può evitare di cominciare da Google Home, l’app gratuita di Google che si connette ai dispositivi del colosso tecnologico, famoso per gli speaker intelligenti che incorporano l’assistente vocale Google Assistant ma che si può interfacciare con i più disparati device.

Interfaccia pulita, di semplice utilizzo, basta il tuo account Google e in pochi passi si procede ad aggiungere tutti i dispositivi che si desiderano controllare nella propria smart home.

Amazon Alexa.

Così come l’app di Google, Alexa ne è la controparte by Amazon. Anche in questo caso il dispositivo principale a cui collegarci è uno smart speaker, a scelta tra i tanti disponibili. Di questi alcuni sono dotati di schermo. Successivamente, possiamo seguire una breve procedura per aggiungere anche altri device grazie alla compatibilità con la stragrande maggioranza di brand, anche quelli cinesi dai nomi più diversi.

Come accade per Google Home, spesso serve installare prima le apposite app dei produttori per poter aggiungere i dispositivi nell’app di Alexa. Solo dopo si potrà controllare tutto da un unico punto di accesso. Soprattutto usando la propria voce, in libertà e comodità.

Smart Life.

Una delle app più utilizzate per la configurazione e gestione di tantissimi dispositivi smart cinesi, soprattutto lampadine, tra cui quelle RGB. Di facile utilizzo, leggera e gratuita, tramite pochi passaggi assicura la corretta funzionalità dei device e, terminata la prima configurazione, abilitando le app di Google Home o Amazon Alexa sarà possibile controllare questi dispositivi anche senza Smart Life.

Esistono altre decine se non addirittura un centinaio di app per la gestione delle case smart, ma queste sono quelle che, più probabilmente, sono strettamente necessarie per la quotidianità.


 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print