Smartphone perso o rubato, guida alla localizzazione

Perdere lo smartphone, che sia nuovo o usato, o vederselo rubare non è mai piacevole. Eppure è un’esperienza molto più frequente di quanto si possa immaginare. Il primo pensiero è quello di aver perso per sempre il proprio dispositivo ma, in realtà, non è detto che sia così.

Indipendentemente dal nostro sistema operativo, infatti, possiamo localizzare uno smartphone perso per conoscere la loro posizione. Questo grazie ad applicazioni o servizi integrati negli smartphone moderni che ne consentono la localizzazione geografica.

Nonostante tutti i dispositivi, senza distinzione di sistema operativo, possano essere rintracciati, le procedure da seguire non sono uguali per tutti.

Passiamo, quindi, in rassegna le modalità integrate previste per smartphone Android, per gli iPhone e per i dispositivi Windows. Esistono, tuttavia, anche altre app utilizzabili in maniera gratuita o a pagamento da cercare e scaricare dai relativi store.

Come localizzare smartphone con sistema operativo Android.

Tutti gli smartphone Android prodotti dopo il 2010 hanno, integrata, la funzionalità Find My Device. Utilizzandola è possibile localizzare il nostro dispositivo e comandarlo da remoto.

Un servizio utile, senza dubbi, ma con una grande pecca, non funziona se lo smartphone non è connesso in rete e non ha il GPS attivo.

Utilizzare l’app non è difficile. È sufficiente attivare il GPS e la connessione internet nel dispositivo da controllare verificando, dalle impostazioni, che sia attiva anche la localizzazione da remoto (Impostazioni – Google – Sicurezza – Localizza questo dispositivo da remoto).

Basterà collegarci al sito Find My Device ed accedere al proprio account Google. Vedremo comparire la posizione del nostro smartphone perso sulla mappa e potremo comandarlo da remoto. I comandi si trovano in alto a sinistra della schermata e sono, in tutto, tre:

  1. fai squillare per far emettere un suono allo smartphone anche se è in modalità silenziosa;
  2. blocca per bloccarlo e renderlo inutilizzabile a chi ce l’ha sottratto;
  3. cancella per eliminare tutti i dati presenti nello smartphone.

Come localizzare un iPhone perso o rubato

Anche su tutti gli iPhone è disponibile un’apposita funzione integrata che ci consente di localizzare il dispositivo perso o rubato. Questa si chiama Trova il mio iPhone ed è disponibile per tutti i dispositivi Mac.

Anche in questo caso l’utilizzo è semplicissimo e sarà, ancora una volta, necessario procedere all’attivazione del servizio di localizzazione direttamente dal menù Impostazioni del nostro dispositivo. Abilitiamo la funzione Condividi la mia posizione.

Accendiamo il wi-fi o la connessione dati del nostro iPhone e attivare la funzionalità inserendo i propri dati di accesso ad iCloud. Dalla schermata successiva dovremo individuare il nome del nostro iPhone, cliccarvi e selezionare Trova il mio iPhone. Anche in questo caso potremo agire sul dispositivo da remoto in 3 modi:

  1. emetti suono per far squillare il dispositivo;
  2. modalità smarrito per mostrare un numero di telefono preimpostato nella schermata di blocco sperando che chi trova il dispositivo ci contatti;
  3. inizializza l’iPhone per la cancellazione di tutti i dati presenti nel dispositivo.

Come localizzare uno smartphone Windows

Stesso discorso per uno smartphone perso Windows. In questo caso potremo avvalerci della funzionalità che si chiama come quella precedente, Trova il mio telefono. L’abilitazione al servizio è automatica per ogni dispositivo ma il consiglio di base è sempre quello di verificare dal menù del device che effettivamente sia così.

A questo punto, ci basterà accedere, da un altro dispositivo, al nostro account Microsoft all’interno dell’apposita pagina. Andiamo ad inserire nell’apposita barra di testo il nome del device che vogliamo localizzare e clicchiamo, dunque, su Trova il mio telefono.

Partirà la ricerca che, in pochi secondi, localizzerà sulla mappa la posizione dello smartphone. Anche in questo caso potremo avvalerci del controllo da remoto:

  1. squilla, ci permetterà di far squillare lo smartphone;
  2. blocca, ci consentirà di bloccare il dispositivo con un codice e renderlo inutilizzabile a chi lo avesse sottratto;
  3. cancella, anche in questo caso, eliminerà tutti i dati presenti sullo smartphone.

Qualunque sia il tipo di smartphone perso che stiamo cercando di rintracciare, è importante sapere che, una volta cancellati i dati dal dispositivo, non sarà possibile effettuare localizzazioni successive.

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print