Smartphone usato, come acquistarlo senza sbagliare

Acquistare uno smartphone non è mai semplice. Sia che ci si trovi dinnanzi all’acquisto di un dispositivo nuovo sia che si preferisca il mercato dell’usato, la varietà di dispositivi è talmente alta che c’è l’imbarazzo della scelta.

Se, però, per gli smartphone nuovi “l’impresa” può risultare un po’ meno complessa, nel caso di un dispositivo usato occorre fare molta attenzione. Le fregature, infatti, possono essere dietro l’angolo per cui è necessario sapere come scegliere al meglio uno smartphone usato e quali “analisi” devono precedere l’acquisto.

La scelta dello smartphone, meglio restringere il cerchio ad un paio di modelli.

Il primo consiglio utile nella scelta di uno smartphone usato è quello di restringere la cerchia dei modelli interessanti ad un paio di dispositivi al massimo. Se, infatti, questa “tecnica” è efficace per gli smartphone nuovi lo è a maggior ragione sul mercato dell’usato.

Data la velocità con cui avanza la tecnologia di questi dispositivi è consigliabile, inoltre, non spingersi mai troppo indietro nel tempo. Modelli con più di 3 anni di vita andrebbero, dunque, scartati. La ragione è facilmente intuibile: le performance di uno smartphone più datato potrebbero non essere all’altezza delle aspettative.

Dove acquistare gli smartphone usati.

Ristretta la cerchia dei modelli di nostro interesse è importante chiedersi dove sia meglio effettuarne l’acquisto. I siti di vendite online sono la scelta preferita dai più.

Indispensabile, però, che il dispositivo scelto si trovi nelle vicinanze in modo da incontrare di persona il venditore e vedere l’oggetto prima di pagarlo. Le vendite per corrispondenza, purtroppo, non sono consigliatissime nel settore dell’usato.

La valutazione dello smartphone prima dell’acquisto.

Una volta incontrato il venditore è possibile valutare lo smartphone usato per verificare che esso risponda, effettivamente, alle nostre esigenze. La prima cosa da fare è chiedere al venditore di inserire la propria SIM all’interno del dispositivo per procedere, poi, al controllo delle parti esterne dello smartphone. Batteria (con la verifica della sua originalità), fotocamera, scocca e display (soprattutto per graffi e segni di cadute) sono gli elementi che non possono essere tralasciati.

Connettiamo, se possibile, un caricabatterie per verificare che il connettore funzioni.  Accendiamo lo smartphone e verifichiamo che il display funzioni correttamente. Proviamo a scattare delle foto, effettuiamo una chiamata per testare microfono ed auricolare. Connettiamo anche delle cuffie per verificare che non vi siano problemi a livello di audio.

Connettiamo lo smartphone alla rete e testiamo la velocità con cui si aprono le pagine web. Un ottimo test, in questo senso, potrebbe essere l’apertura di Facebook. Vietato tralasciare anche le altre tipologie di connettività come il WiFi (se disponibile) e il Bluetooth.

Verifica del codice IMEI

Verificare il codice IMEI dello smartphone usato che vorremmo acquistare è una buona norma che spesso, purtroppo, viene tralasciata. Collegandoci al sito imei.info possiamo risalire ai dati del proprietario del dispositivo assicurandoci, in questo modo, che non si tratti di uno smartphone rubato o di provenienza illecita.

Se, poi, lo smartphone ha meno di 2 anni è importante chiedere lo scontrino d’acquisto. Esibendolo, infatti, possiamo far valere la garanzia residua del prodotto nel caso in cui dovessero verificarsi dei problemi.

Smartphones usati, convengono davvero?

Conviene davvero acquistare smartphones usati? La risposta è indubbiamente positiva a patto di farlo con la massima attenzione e prestando attenzione a tutto quanto esposto fino a qui. La convenienza è sicuramente nel prezzo inferiore sul mercato dell’usato specie considerato che anche i dispositivi più nuovi, dopo un anno al massimo, perdono valore con il lancio dei modelli più evoluti.

Fare una scelta di questo tipo, dunque, può rivelarsi davvero una mossa vincente. Prendiamoci, però, tutto il tempo necessario per testare lo smartphone prescelto senza aver paura, anche all’ultimo istante, di cambiare idea perché non siamo più convinti che quel dispositivo risponda a tutte le nostre esigenze.

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print