Keen contro Pinterest: Google ci riprova con i social

Keen è il nuovo social media lanciato fa Google e sviluppato dall’Area 120 di Google (dedicata ai progetti sperimentali).

In questo social gli utenti possono creare un “Keen” con una serie di parole chiave che indicano loro interessi.

Questi “Keens” recuperano automaticamente le risorse” (pagine web e articoli) per l’utente a intervalli di tempo impostati dall’utente, il tutto gestito da un’intelligenza artificiale.

Come funziona Keen.

Praticamente è un Pinterest a cui è stata aggiunta l’intelligenza artificiale.

L’utente organizza la sua bacheca che si chiama Keen in base ai suoi interessi e crea delle raccolte (le Keens) inserendo al loro interno tutti i contenuti trovati in rete da condividere con gli altri utenti oppure tenerli solo sulla propria bacheca.

La bacheca presenta tre aree:

  • La gemma dove sono conservati i keens salvati.
  • Esplora dove si possono vedere nuove idee o risultati che derivano dalle query di ricerca.
  • Cerca che contiene le query di ricerca che vengono create o salvate dall’utente.

Google utilizzerà i suoi algoritmi di ricerca avanzata per trovare contenuti simili a quelli che hai aggiunto, evidenziando altri cose che potresti voler includere nel tuo Keen; simile agli elenchi “Per te” di Pinterest (ancora lui Pinterest!)

Disponibile per desktop e app Android.

Utilità di Keen

Teoricamente più saranno organizzate le proprie passioni sulla Keen bacheca, meglio saranno i consigli di Google, quindi potrebbe essere utile per migliorare la conoscenza di una propria passione oppure per esempio avere ottimi suggerimenti per acquisti online.

In più si possono anche seguire le idee create da altri, scoprendo quindi nuove notizie community e ricevendo avvisi quando vengono aggiunti nuovi argomenti.

Come Pinterest è un ottimo posto per ottenere nuove idee e informazioni dove viene sfruttata la potenza di Google.

Dopo la non felice esperienza di Google+, ora Google ci riprova. Sfidando Pinterest.

Andrà meglio questa volta?