Fitbit Charge 4 : recensione dell’indossabile Fitbit

Il mondo dei gadget indossabili è sempre più monopolizzato dagli smartwatch, ce ne sono per tutti i gusti e portafogli, dai super cinesi da 20€ fino ai più costosi ed eleganti Apple Watch o Galaxy Watch.

In questo mercato altamente competitivo, il Charge 4 di Fitbit è riuscito a ritagliarsi una piccola fetta di mercato molto soddisfatta dell’acquisto.

Design sostanzialmente molto simile ai modelli precedenti.

Fitbit Charge 4Chassis in alluminio resistente, unico pulsante touch, resistenza all’acqua fino a 5 atmosfere e batteria di lunga durata, fino a ben 7 giorni di utilizzo. Disponibile in colorazione Black o Rosewood.

Ma l’estetica non è il suo punto di forza, o almeno non lo è quanto ciò che è sotto il cofano.

GPS integrato (con ben 7 attività che ne utilizzano le funzionalità, tra cui bike e hiking), sensore di battito cardiaco ottico, sensore SpO2 e detection di attività di running.

Con l’ultimo aggiornamento software, il Fitbit Charge 4 può essere impostato per utilizzare il GPS dello smartphone invece di quello integrato, aumentando così la durata della batteria.

Spicca anche per la sua capacità di monitoraggio del sonno.

Grazie al sensore SpO2, che registra i livelli di ossigeno nel sangue mentre dormi, aiuta a stimare con buona precisione le variazioni di ossigeno e a segnalare eventuali casi di apnea del sonno.

Posto in modalità sleep mode, disattiverà automaticamente le notifiche e il touch screen, così da non disturbare l’utente durante il sonno ed evitare tocchi involontari.


A breve dovrebbe arrivare anche la funzionalità di smart wake, che cercherà di svegliare l’utente nel momento migliore data una precisa finestra temporale.

Non mancano funzionalità ormai essenziali. Ad esempio la visualizzazione delle notifiche dello smartphone, controllo players musicali come Spotify. Anche Fitbit Pay è utilissima per usare il Fitbit Charge 4 per pagare contactless (al posto del telefono).

Proposto al prezzo di circa 140€, è uno dei migliori acquisti in questa fascia di prezzo, superiore al precedente Charge 3 ma non eccessivamente più caro.


 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print