Come guadagnare con Google AdSense – Guida completa

Google AdSense è un programma pubblicitario che consente una rapida monetizzazione di un sito web a prescindere dalla nicchia e dall’argomento su cui si concentra. Si adatta a blog generalisti, siti web che trattano specificatamente di un solo argomento, giornali on line o forum, è non richiede competenze tecniche specifiche.

Lanciato nel 2003, Google AdSense prevede una remunerazione al gestore del sito web ogni volta che un visitatore fa click su uno degli annunci.

In questo articolo troverai alcune informazioni utili su Google AdSense: come fare soldi e sviluppare una strategia efficace per monetizzare un sito in modo rapido ed efficiente.

Che cos’è Google AdSense

AdSense è una piattaforma gratuita creata da Google, che offre l’opportunità di implementare un piccolo pezzo di HTML (il codice che andrà a generare la pubblicità) su un sito e visualizzare vari tipi di annunci. AdSense lavora con la pubblicità contestuale, il codice inserito monitora i contenuti presenti sulle pagine e seleziona annunci mirati e pertinenti per far sì che i visitatori trovino degli avvisi pubblicitari interessanti aumentando la possibilità che vengano cliccati.

Come funziona Google AdSense?

Le aziende interessate a farsi pubblicità, gli inserzionisti, selezionano una serie di parole chiave su cui faranno offerte con un sistema ad asta. I crawler di Google associano poi gli annunci pertinenti al sito in base al miglior offerente e pubblicano l’annuncio che include parole chiave uguali o simili.

Quanto paga AdSense?

Il modello di guadagno è basato sullo sharing revenue, ovvero Google riconosce una percentuale al proprietario del sito web di quello che incassa dal sistema di asta delle keyword.

All’editore del sito web viene riconosciuto fino al 68% delle entrate generate da un annuncio. Per esempio, se l’offerta media per una parola chiave è 1 euro, 68 centesimi verranno inviati all’account del webmaster e il resto andrà a Google.

Da dove si inizia?

come guadagnare con Google AdSensePer iniziare a monetizzare il traffico di un sito web, bisogna far richiesta per diventare partner AdSense. A tal fine, compila il modulo di domanda, invialo e attendi l’approvazione.

Tieni presente che il tuo sito deve corrispondere ai requisiti di Google AdSense relativi al traffico, alle metriche di qualità e ad altri parametri per garantire l’approvazione.

Come misurare le entrate da AdSense

Una parte importante della monetizzazione di contenuti web è la misurazione delle prestazioni. Vediamo quali sono i parametri utili, una volta installato il codice sul sito web, per monitorare l’andamento di questo programma pubblicitario di Google.

Esistono tre modi principali per misurare il reddito generato: CPC, CTR e RPM. Ciascuno presenta un modello di calcolo specifico per valutare il profitto con delle formule corrispondenti. Il sistema di reporting è integrato nell’account Google AdSense in modo che avrai dati su cui lavorare e che ti permettono di conoscere l’effettiva resa delle tue pagine web.

Costo per Click – CPC

Questo parametro rapporta il numero totale di click e quanto ti viene accreditato per ognuno di questi. Il valore del CPC medio può variare molto soprattutto in base all’argomento su cui verte il sito e su quanto sono agguerrite le aste sulle keyword pertinenti il settore.

Per la mia esperienza personale posso dire di aver visualizzato sul mio account AdSense CPC da pochi centesimi come da qualche euro. In genere si potrebbe considerare per buono un CPC medio intorno ai 0,25 euro. Di conseguenza se il tuo obiettivo fosse un guadagno di 100 euro al giorno dovresti ottenere 400 clic al giorno (100 * 0,25) per raggiungerlo.

Sempre basandomi sulla mia personale esperienza posso dire che settori come finanza (apertura conti correnti bancari o tradingon line) e assicurazioni (sottoscrizione di polizze vita, auto o viaggi) hanno un CPC alto, spesso anche sopra il paio di euro a click.

Click Through Rate – CTR

Il CTR è la percentuale di click ottenuta dividendo per la quantità delle visualizzazioni di una pagina per le persone che hanno cliccato l’annuncio AdSense. Per esempio, se 1.000 visualizzazioni di pagina hanno comportato 50 clic, la percentuale di click è del 5%.

Un tasso CTR decente dovrebbe raggiungere il 2%. Il CTR medio dipende dalla nicchia. I più redditizi da questo punto di vista sono le industrie di e-commerce, dating on line, tecnologia, viaggi e ospitalità.

Revenue per migliaia – RPM

Questa metrica fornisce il valore delle entrate per pagina per ogni 1000 visualizzazioni. Il valore viene calcolato applicando una semplice formula. Il calcolo si fa in questa maniera:

dividi l’entrata stimata per il numero di visualizzazioni di pagina che hai ottenuto e quindi moltiplica il risultato per 1.000.

Ad esempio, se hai guadagnato 0,10 centesimi di euro da 20 visualizzazioni di pagina, l’RPM della tua pagina è (0,10 / 20) x 1.000 = 500 centesimi (euro 5,00).

Se ciascuno dei 1.000 visitatori visualizza due pagine, equivale a 2.000 visualizzazioni di pagina se ogni pagina ha un annuncio. In caso contrario, AdSense calcolerà solo 1.000 impressioni.

Tipi di annunci disponibili

La rete di Google AdSense è notevole per la sua flessibilità e offre vari tipi di annunci in modo da poter scegliere quelli più pertinenti. I seguenti formati di annunci possono essere utilizzati sul tuo sito web per generare entrate.

Annunci di testo

Questi annunci non visualizzano contenuti multimediali, ma presentano solo testo. Ad esempio, l’annuncio 160 × 600 costituisce un insieme di tre o quattro annunci. Un’unità separata è prevista per ciascuno di essi.

Annunci display

Gli annunci display sono i banner con immagine che può essere presentato in una varietà di dimensioni: dal classifico a tutta pagina (728 × 90) a un piccolo pulsante (125 × 125).

Rich media

Questa categoria include una serie di diversi annunci che presentano HTML, Flash, video e altri elementi digitali avanzati.

Sono piuttosto efficaci per far interagire i visitatori con gli annunci perché possono comparire sullo schermo come fosse una tendina, espandersi e fare altri movimenti per catturare l’attenzione del visitatore e possono garantire una forte risposta degli utenti. Alcuni di essi vantano persino metriche di monitoraggio sull’attività dei visitatori.

Immagine animata

Questo tipo di annuncio prevedere delle immagini dinamiche grafiche visualizzate all’interno dell’annuncio.

Tieni presente che l’animazione non può durare anche per più di 30 secondi. Tutte le immagini dovrebbero essere pertinenti, vantano un’alta qualità per soddisfare gli standard di Google.

Unioni di link

Questo tipo di annunci sono dei piccoli banner contenenti dei link che indirizzano il visitatore che li clicca verso la pagina web dell’inserzionista. Questi gruppi di link sono disponibili sia in formato verticale che orizzontale. Alcuni editori potrebbero preoccuparsi dell’impossibilità di visualizzare le unioni di link orizzontali su dispositivi mobili. Per ottimizzare AdSense per dispositivi mobili, viene automaticamente inserito un annuncio con link reattivo in grado di adattarsi in base ai requisiti del dispositivo.

Le migliori strategie per far funzionare banner e annunci

Passiamo ora a vedere qualche strategia per far funzionare al meglio questo metodo di monetizzazione sul tuo sito web.

Ogni tipo di annuncio ha le sue specifiche e i suoi vantaggi. Tuttavia, per trarne il massimo, è necessario sviluppare una strategia efficace. Ecco qualche suggerimento.

Individuare le giuste posizioni

Per ottimizzare il numero di click e i tuoi guadagni devi cercare un certo equilibrio tra il numero di annunci e navigabilità stessa del sito. Un sito web riempito all’inverosimile e in modo randomico di banner farà solo scappare il visitatore.

I banner vanno posizionati con una certa logica, devono essere presenti ma non invasivi. Gli occhi di un lettore non si muovono sulla pagina seguendo una linearità ma saltano da un punto all’altro quasi a formare una sorta di F sulla pagina.

Una delle posizioni che garantisce maggiore visibilità per un banner è in alto a destra e la parte sinistra sotto l’header del sito. Buona visibilità viene garantita anche dalla colonna a destra specie verso la parte inferiore della pagina. Quasi invisibili invece gli annunci posizionati nel footer di un sito web.

Come linea generale ricorda che è necessario organizzare i contenuti al fine di fornire una navigazione pratica e facilitare l’interazione con gli annunci.

Concentrati sui colori

L’ottimizzazione di Google AdSense include la creazione di combinazioni di colori. Prima di tutto, i colori sul tuo sito Web dovrebbero essere pertinenti al contenuto. Ad esempio, nella nicchia dei viaggi, colori come nero o rosso sono fuori posto.

I colori possono essere simili o contrastanti, ma devono sempre armonizzarsi tra loro e con gli elementi del sito web. La regola comune è scegliere colori dominanti e complementari per costruire uno schema, nonché scegliere uno sfondo e usare i colori nei posti giusti sul sito.

Lavora con la CTA

Con il termine CTA, acronimo di Call To Action, si indica l’azione che vogliamo far fare ad un lettore del sito. Visivamente spesso le CTA possono avere diverse avere diversi aspetti come: modulo di iscrizione alla newsletter, pulsante per richiedere un contatto o un preventivo, link da cliccare per arrivare su una pagina di vendita o altro.

Se desideri ottimizzare AdSense rapidamente, un potente CTA provoca una migliore risposta degli utenti e ha abbastanza forza per aumentare le conversioni.

Gli utenti sono pronti ad agire dopo aver letto un buon invito all’azione. Tuttavia, bisogna cogliere l’attimo fuggente poiché la voglia di agire potrebbe esaurirsi presto. Ecco perché posizionare l’annuncio sotto la CTA è una soluzione che può dare ottimi frutti.

Controlla i risultati provvisori

Dopo aver inserito il codice fornito da Google per la visualizzazione degli annunci, dovresti tenere traccia dei risultati per vedere se e come funziona e quantificarne la produttività al fine di ottimizzare le entrate di AdSense.

Se ti limiti a piazzare un pezzo di codice HTML e poi ti siedi in poltrona aspettando che arrivino i soldi sappi che è pura utopia. Monetizzare un sito web con questo sistema richiede una continua misurazione dei risultati e relativi aggiustamenti.

Anche le migliori impostazioni non possono garantire conversioni elevate degli annunci, perché prevedere le esigenze degli utenti può essere un gioco complicato. Di conseguenza, è possibile che dovrai migliorare contenuti, posizionamento degli annunci, design del sito e molte altre cose.

Scegli il miglior template WordPress

Uno dei passaggi chiave è l’ottimizzazione di WordPress per AdSense, il che significa scegliere un template WP corretto (di norma, questi temi includono tutti i plug-in necessari per migliorare il tuo CTR).

Al template, se non li prevede già in maniera nativa, dovrai probabilmente aggiungere dei plugin creati per la gestione degli annunci AdSense. Questi plugin aggiuntivi ti permettono di risparmiare tempo evitandoti di inserire il codice singolarmente su ogni pagina o articolo. Ti permettono anche di testare diverse posizioni per gli annunci pubblicitari il tutto al fine di aumentare le entrate di AdSense.

Assicurati che gli utenti non blocchino i tuoi annunci

Tieni presente che negli ultimi anni si sono diffusi sistemi, in genere estensioni del browser di navigazione, che permettono il blocco della visualizzazione di banner e annunci pubblicitari. L’aumento del software di blocco degli annunci provoca perdite di entrate. Tuttavia, secondo un accurato studio, il 77% degli utenti preferirebbe non bloccare tutti gli annunci, ma vorrebbe solamente filtrarli. Ecco perché il tuo compito è restringere la percentuale dei blocchi.

Ci sono degli accorgimenti che puoi adottare per ovviare al problema.

  • Fai in modo che gli annunci non siano predominanti rispetto al contenuto della pagina e che devono corrispondere alle esigenze degli utenti.
  • Utilizza delle piattaforme anti-adblock che sono software in grado di inibire l’accesso alla pagina fino a che è attiva nel browser l’estensione di blocco dei banner e annunci. Puoi inserire un pop up che avvisa il visitatore che per visualizzare il contenuto dovrebbe disattivare l’adblock.
Dividi i tuoi contenuti in diverse pagine

Molti utenti non vanno oltre la prima pagina di un sito web. Una delle migliori pratiche di Google AdSense per generare più visualizzazioni di pagina, implicando molte più impressioni degli annunci e migliorando le statistiche sul traffico, è quella di spalmare un intero contenuto su più pagine. Se il contenuto è interessante e coinvolgente il visitatore cliccherà sulle pagine per proseguire la lettura.

Usa delle strategie SEO

Perché hai bisogno della SEO per aumentare CTR e CPC? La SEO si basa sulle keyword che aiutano Google a filtrare gli annunci sul blog.

Le parole chiave riflettono le richieste dei lettori, motivo per cui generano del traffico mirato e gli utenti più interessati che hanno maggiori probabilità di fare click sul tuo annuncio.

Evita i click accidentali

Quali sono i click accidentali e perché è fondamentale minimizzarli? Se scegliessi un posizionamento errato, ciò potrebbe comportare click non validi. Google ha i suoi algoritmi per rimuovere tali cliccate, per evitare proprio che si creino situazioni fraudolente.

I click accidentali sono possibili anche se l’annuncio è posizionato troppo vicino al bordo di una immagine oppure è indistinguibile rispetto a qualche altro elemento, tipo una CTA. Sempre per evitare click accidentali Google ha impostato un intervallo di tempo minimo per cui un annuncio deve essere visualizzato sullo schermo per un determinato periodo e può essere aperto solo dopo un po’ di tempo.

Ricorda che non puoi cliccare sui tuoi annunci, se questo succedesse sporadicamente potresti anche non subire ripercussioni sul tuo account AdSense ma se ci sono clic intenzionali costanti, avrai sicuramente dei problemi.

Ricorda inoltre che non puoi invitare i visitatori a cliccare sui tuoi annunci e banner e neanche metterti d’accordo con qualche amico che clicchi in maniera non naturale gli annunci sul tuo sito web. Tutto questo potrebbe portare ad una sospensione dell’account e perdita delle revenue generate e non ancora saldate da Google.

Garantire il corretto posizionamento degli annunci

Il contenuto della pagina dovrebbe essere evidente per non essere confuso con annunci. Non ti è consentito inserire annunci dopo suggerimenti fuorvianti come “Leggi per saperne di più”, “Suggerimenti utili” o simili. L’annuncio non è un consiglio o una raccomandazione, ma una pura promozione di per sé.

I posizionamenti errati delle pubblicità significano anche pagine prive di contenuti che includono solo materiale promozionale. Gli annunci non possono superare il contenuto. Se vuoi sapere di più su come misurare le proporzioni, qui trovi la pagina di Google che spiega come regolarsi.

Ecco i settori che generano entrate interessanti con Google AdSense

Non tutti i siti sono uguali come non lo sono tutti gli argomenti di cui potresti parlare sul tuo sito. Ci sono alcune nicchie davvero redditizie in termini di visualizzazione del materiale promozionale. Ecco qualche tipo di sito che puoi allestire per poi monetizzarlo con i codici AdSense.

  • Un Blog – I blog possono portare buoni guadagni a causa dei frequenti aggiornamenti dei contenuti. Nuovi articoli unici, video e altri tipi di contenuti attirano i lettori e hanno maggiori probabilità di ottenere numerosi click naturali.

I blog più redditizi sono quelli incentrati su un argomento specifico e che offrono soluzioni e idee ad altrettanto specifici problemi. Gli utenti percepiranno gli annunci come parte integrante di tali soluzioni e faranno click su di essi.

Inoltre, i blog di maggior successo fanno un ottimo lavoro in termini SEO per aumentare notevolmente il proprio traffico. Di conseguenza, un numero maggiore di utenti vedrà gli annunci e farà, potenzialmente, click su di essi, aumentando in modo significativo le entrate.

  • Un forum – Anche i forum sono redditizi. Se ben organizzati e, laddove si riesce a creare una community movimentata di frequentatori, allora si avranno risposte, suggerimenti, guide.

I forum e creano interazioni tra utenti i quali continueranno a frequentarlo e tutto questo in genere viene offerto gratuitamente. Per rendere attraente il tuo forum sia per i lettori che per gli inserzionisti, cerca di indirizzare traffico di alta qualità sul tuo sito.

Fallo diventare il punto di riferimento per un determinato settore. In altre parole, è fondamentale costruire un brand e aumentare l’autorevolezza del forum per richiamare sempre più utenti al fine di discutere di tutti gli aspetti di un determinato argomento generale.

Guadagnare con Google AdSense: considerazioni finali

Nel mondo della pubblicità, Google AdSense è una delle piattaforme più popolari per la generazione di denaro online. Per quanto possa sembrare facile all’inizio, ci sono diverse regole che devi seguire per una lunga e proficua collaborazione con la piattaforma.

Soprattutto, ricorda di posizionare correttamente gli annunci sul tuo sito web. Pertanto, per aumentare le entrate di Google AdSense e garantirti entrate stabili rendi il tuo sito piacevole, facile da navigare e pieno di contenuti in grado di risolvere i bisogni dell’utente.

Ricorda che anche i siti web più popolari e conosciuti, pur guadagnando migliaia di dollari in pubblicità, continuano a interessarsi ai loro lettori. Controlla come fanno i migliori siti web a guadagnare con AdSense, studiane i segreti e cerca di applicarli anche al tuo sito.

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print