Smartphone e tablet per sistema casalingo di videosorveglianza

Sicuramente hai degli smartphone inutilizzati in giro per casa, in qualche cassetto della scrivania. Non hai voluto venderli e ora restano lì, inutilizzati.

Uno dei possibili, utili modi di riciclare questi device è riproporli in un sistema casalingo per la videosorveglianza. Vediamo come.

Per iniziare, devi installare un’app per trasformare lo smartphone in una security camera. Ne esistono diverse, alcuni gratuita altre a pagamento.

Una delle migliori è Alfred.

Disponibile sia per iOS che per Android.

Per far funzionare tutto il sistemino di videosorveglianza dovrai usare sia il tuo smartphone quotidiano sia quello che giace nel cassetto.

Alfred, così come le varie alternative, funziona anche su tablet.

Ma i dispositivi più ingombranti non sono particolarmente indicati per questa funzione. Però potrebbe essere più comodo usare un tablet come schermo per vedere cosa succede in casa.

Dal sito ufficiale trovi i collegamenti ad iTunes ed al Play Store.

Una volta installata puoi subito avviarla, seguire i brevi passi introduttivi e infine registrarti in modo rapido usando il tuo account Google.

Dovrai compiere questi passi per entrambi i telefoni, con l’unica differenza che sul device nuovo userai Alfred in modalità Viewer e sul vecchio in modalità Camera.

Come avrai intuito, userai il nuovo per vedere tutto ciò che vede il tuo precedente smartphone impostato in modalità Camera.

Tra le funzionalità di Alfred trovi anche il Trust Cirle.

Grazie al Trust Circle puoi dare i permessi di visualizzazione anche ad altre persone, che in questo modo potranno vedere cosa vede lo smartphone-telecamera. Utile ad esempio se vivi con qualcuno e volete tutti utilizzare la videosorveglianza, che sia tua moglie o i tuoi genitori.

Esistono diverse alternative, come Manything, Presence e IP Webcam, quest’ultima solo versione Android.

Finito di sistemare tutto l’apparato, non ti resta che trovare un buon posto della casa dove posizionare il telefono che funge da telecamera. Sopra un mobile, una mensola, vicino una finestra se vuoi riprendere l’esterno di casa. Volendo, per fare le cose in grande, puoi acquistare una mount da parete.

Ricorda che dovrai avere nelle vicinanze una presa elettrica, così da poter alimentare il telefono costantemente. Puoi anche utilizzare una powerbank, ma potrebbe essere stancante doverla ricaricare ogni volta, o magari capita che si scarica nei momenti peggiori.

Inoltre, il tuo router deve essere provvisto di wifi, il sistema casalingo di videosorveglianza usando gli smartphone utilizza internet per poter essere controllato anche quando non sei in casa.


 

 

Condividi il contenuto su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print