ReporTecno : vendere su internet, metodi e canali.

Quando si pensa alla vendita tramite Internet, fra le prime idee ci sono gli e-store o e-commerce, che dir si voglia.

E’ opportuno considerare che quelli che definiamo “e-commerce” contemplano almeno il 50% delle vendite che avvengono online.

20 milioni di persone effettuavano acquisti in rete tramite tali piattaforme, questo pre-pandemia.  Dopo l’avvento tragico della pandemia l’e-commerce è divenuto strumento indispensabile per molti consumatori che, impossibilitati a muoversi di casa, hanno sfruttato la Rete per gli acquisti.

Regole fondamentali per vendere (ed acquistare) online.

Numerosi sono i settori che traggono profitto dal web. A cominciare da informatica e tech, per non parlare del turismo che negli ultimi 10 anni si è adeguato più di altri, evolvendosi in questa direzione.

Negli anni sono nati due termini che definiscono gli atteggiamenti ed i comportamenti dei consumatori nei confronti degli e-commerce.

Si parla di infocommerce…

Quando l’utente cerca info sul web prima di acquistarlo in un negozio fisico. Questa pratica si riferisce agli acquirenti che continuno a preferire l’esperienza “di persona”.

Si parla di showroomming…

Quando il consumatore, dopo aver osservato un oggetto in un tal negozio, ricerca informazioni su di esso online, e on line prosegue l’acquisto, a caccia del prezzo migliore.

Come vendere su internet.

Fatta questa ampia premessa, possiamo affermare che i negozi on line svolgono un ruolo primario in rete, ma non sono gli unici a vendere nel mercato digitale.

Sostanzialmente, possiamo definire quattro tipologie principali di vendita sul web :

  • La prima che viene in mente è senz’altro la vendita diretta tramite il negozio on line.
  • La seconda è la vendita indiretta tramite altre piattaforme, come Amazon oppure eBay.
  • In crescita la vendita tramite social, sfruttando un rapporto più “confidenziale” con l’utente.
  • Infine la vendita intermediata, ovvero far vendere prodotti a terzi (ai cosiddetti retailer online).

I metodi alternativi per vendere on line.

Parlavamo dei canali Social, sempre più sfruttati dai venditori, e certo ha fatto sciuola il caso di Facebook Shops. L’impostazione più “confidenziale” con l’utente, porta certamente molti di questi ultimi a fidarsi maggiormente rispetto alla freddezza di un negozio on line.

E i Social Network hanno rappresentato negli ultimi tempi la nuova frontiera per spingere le vendite.

Ora invece vorremmo esplorare metodi e portali alternativi.

Possiamo partire dai portali di annunci.

Questi possono essere sfruttati in tanti modi per promuovere o vendere direttamente dei prodotti.  Fra questi il primo da prendere in considerazione per la sua efficacia è Subito.it.

Nei test effettuati direttamente dal sottoscritto, posso affermare che Subito si distingue per l’efficacia del proprio ruolo : se un oggetto ha buone chance per interessare, con Subito la vendita è (quasi) assicurata.

Anche Kijiji.it risulta efficace, e in Italia è certamente il secondo sito di annunci più visitato.

Shpock.it è una piattaforma (fin troppo) semplice, forse anche un po’ scarna graficamente. Parrebbe molto visitata e di conseguenza efficace, eppure le recensioni su Trustpilot non sono incoraggianti.

Il metodo della newsletter.

Altrimenti perché non propagare una proposta di vendita via email con un’azzeccata newsletter?

I metodi sono molti, basta ingegnarsi e capire qual è il tipo di vendita che si desidera effettuare. E il target di potenziali acquirenti da servire.

Bisognerebbe partire valutando le fonti che procurano la lista degli indirizzi, ma anche tenendo presente che ormai le email pubblicitarie invadono le caselle di tutti noi.

Quest’ultimo è probabilmente fra i metodi meno efficaci.

Esistono metodi differenti per realizzare un e-commerce di successo.

Noi ne recensiamo qualcuno e lasciamo a voi l’iniziativa imprenditoriale, dal momento che con il web è davvero divenuta a portata di mano in termini di investimenti.

Unico elemento che è necessario tener ben presente : se l’approccio in termini di investimenti è davvero alla portata di tanti, il tempo necessario per lo studio, l’approfondimento di tecniche e metodi per raggiungere il successo, deve essere tanto.

E’ sempre bene ricordarlo.


Leggi anche :

Vero o falso: E-Commerce toglie lavoro ai commercianti ?